Header Top
Logo
Martedì 25 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Sud: Confindustria, fondi Ue decisivi. Non possiamo dissiparli

colonna Sinistra
Giovedì 17 gennaio 2013 - 10:40

Sud: Confindustria, fondi Ue decisivi. Non possiamo dissiparli

(ASCA) – Roma, 17 gen – I fondi strutturali europeirappresentano ”la fonte finanziaria decisiva, forse l’unicatangibile al momento”. Si tratta di una cifra, che con ilconfinaziamento nazionale, ”puo’ arrivare a 60 miliardi, nonpossiamo assolutamente permetterci di dissiparli. Per questo,e’ necessario individuare con chiarezza i criteri e il metodocon cui questi fondi saranno utilizzati”. Lo ha spiegato ilvicepresidente di Confindustria con delega per ilMezzogiorno, Alessandro Laterza, aprendo i lavori di unatavola rotonda sugli investimenti infrastrutturali e la nuovapolitica di coesione.

Laterza ha evidenziato che il Mezzogiorno ”sta soffrendoin maniera molto pesante le conseguenze della crisi. Piu’ chealtrove e’ l’economia reale ad essere colpita, ilmanifatturiero e il cuore dell’industria”. Il vicepresidente di Confindustria ha spiegato che ”solo nelmezzogiorno ci sono oltre 50 tavoli di crisi aziendali apertie se non si interviene a sostegno della competitivita’ e deifattori di contesto si corre il rischio delladesertificazione industriale. Il mezzogiorno ha in se’ lepotenzialita’ per farcela, come dimostrano i datisull’export. Per questo, non servono ricette miracolistiche.

Non serve l’assistenzialismo – ha aggiunto Laterza – nonservono i grandi annunci e le promesse, che per tradizione simoltiplicano in campagna elettorale. Serve concentrare lerisorse su poche cose e chiare, su strumenti concretamenteefficaci di politica industriale. In quest’ottica, lapolitica infrastrutturale e’ condizione imprescindibile perlo sviluppo del Sud”. Il gap infrastrutturale delmezzogiorno ”e’ uno dei principali freni agli investimentidelle imprese, italiane ed estere. Occorre selezionare gliinterventi sulla base della loro capacita’ di connettersi aicorridoi di traffico europei e concentrare una quotasignificativa delle risorse sulle grandi reti; far convergeresia le risorse pubbliche sia quelle private sul completamentodei Grandi Progetti avviati; migliorare la collaborazione traamministrazioni centrali e regionali nell’ attuazione degliinterventi” ha concluso Laterza.

rus/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su