Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Italtel: Fiom, siglato accordo. Nessun esubero ma cig e solidarieta’

colonna Sinistra
Giovedì 17 gennaio 2013 - 19:25

Italtel: Fiom, siglato accordo. Nessun esubero ma cig e solidarieta’

(ASCA) – Roma, 17 gen – ”Oggi e’ stata raggiunta a Milano,tra i sindacati metalmeccanici Fim, Fiom, Uilm e l’Italtel,un’ipotesi di accordo per la gestione degli esuberiannunciati dall’Azienda”. Lo annuncia, in una nota, LauraSpezia, della Fiom nazionale precisando che ”in unasituazione di difficolta’ in cui Italtel versava da tempo,l’ipotesi di accordo prevede che la gestione dei problemioccupazionali sia affrontata senza che nessun lavoratorevenga licenziato ma, al contrario, utilizzando strumentiquali i Contratti di solidarieta’, la Cassa integrazione arotazione e la mobilita’ volontaria incentivata”.

Per Spezia ”va sottolineato che in un’impresa ad altocontenuto professionale, quale l’Italtel, l’iniziativasindacale sia riuscita a ottenere l’utilizzo dei Contratti disolidarieta’ quale strumento per redistribuire il lavoro trai dipendenti dell’Azienda. Piu’ in dettaglio, ricordiamo cherispetto ai 500 esuberi dichiarati inizialmente dall’Azienda,con la trattativa i lavoratori coinvolti da problemioccupazionali sono scesi a 450. Inoltre, mentre l’Aziendaaveva espresso l’intenzione di mettere in Cassa integrazione340 lavoratori, di cui 240 a zero ore, l’ipotesi di accordostabilisce che i dipendenti che potranno essere collocaticontemporaneamente in Cassa integrazione saranno al massimo240 e che, come detto, nessuno di questi verra’ messo in Cigsa zero ore”.

Secondo la sindacalista ”oltre ad alcune misure diintegrazione aziendale del reddito per i cassaintegrati, visaranno incentivazioni per quei lavoratori che dovesseroscegliere la mobilita’ volontaria. La parola passa ora allelavoratrici e ai lavoratori che, dopo le assemblee chesaranno tenute nei prossimi giorni, saranno chiamati adesprimersi sull’ipotesi di accordo con un apposito referendumindetto per mercoledi’ 23 gennaio”.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su