Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fiat: Airaudo, terrorizzato da produzione Suv. Governo concordi impegni

colonna Sinistra
Mercoledì 16 gennaio 2013 - 15:41

Fiat: Airaudo, terrorizzato da produzione Suv. Governo concordi impegni

(ASCA) – Torino, 16 gen – Convocare la Fiat e concordare gliimpegni di investimento. E’ questo secondo Giorgio Airaudo,ex segretario nazionale Fiom e oggi candidato Sel, uno deiprimi impegni da assumere per il prossimo governo che luiauspica di centrosinistra. Airaudo ha inoltre detto di essereterrorizzato dalla prospettiva che la Fiat produca suv. ”Noi chiediamo che un governo di centrosinistra facciaquello che avrebbe fatto qualunque governo che difende gliinteressi pubblici e collettivi – ha detto Airaudo nel corsodi una manifestaziome di presenzazione dei candidati Sel inPiemonte -: convocare l’impresa e concordare i suoi impegnicosi’ come la Fiat ha fatto con il governo brasiliano epolacco e con due governi serbi di colore politico diverso”.

”L’unico paese dove la Fiat non ha un accordo – haosservato Airaudo – e’ quello in cui l’azienda ha origine. LaFiat ha dato lavoro a questa citta’ e a questo paese – haaggiunto – ma sappiamo che gli italiani hanno dato tantissimoe ci vuole un governo che, visto che la Fiat non sara’ piu’italiana, pretenda un elemento di certezza.

Bisogna togliere i lavoratori dall’insicurezza”. A proposito dell’annuncio della cassa integrazione a Melfiper due anni Airaudo ha osservato che la conclusione diquesto nuovo provvedimento di Cig non vedra’ piu’ in sella ilmanager italo canadese e quindi ha fatto capire che i nuoviprodotti non avranno piu’ la firma di Marchionne: ”i nuoviprodotti arriveranno nel 2014 dopo la fine del suo mandato.

Marchionne ha fatto promesse di investimento, ma quel che disicuro ha deciso e’ la cassa integrazione”. L’exsindacalista si e’ dichiarato molto critico sulla scelta diprodurre Suv: ”A me terrorizza che noi diventiamo unproduttore di Suv per tutto il mondo, perche’ dal punto divista ambientale, dell’utilizzo dello spazio, dal punto divista energivoro e del consumo delle risorse, non e’ unascommessa sul futuro. Ci mettiamo a fare per ultimi quelloche gli altri smettono di fare. La polizia cinese ad esempio- ha sottolineato – si sta dotando di auto elettriche”. eg/mau/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su