Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Lavoro: Cgil, in diverse regioni Inps blocca pratiche cassa in deroga

colonna Sinistra
Giovedì 10 gennaio 2013 - 15:33

Lavoro: Cgil, in diverse regioni Inps blocca pratiche cassa in deroga

(ASCA) – Roma, 10 gen – Blocchi in diverse regioni da partedell’Inps circa le pratiche della cassa integrazione inderoga relative agli ultimi mesi dello scorso anno. E’ quantorisulta alla Cgil sostenendo che arrivano ”notiziepreoccupanti da molte regioni sul blocco da parte dell’Inpsdelle pratiche di Cig in deroga per gli ultimi mesi del2012”. Blocchi che, aggiunge il sindacato in una nota,”sarebbero giustificati da un messaggio dell’istituto delloscorso 21 dicembre dove si sottolineava la necessita’ di unmonitoraggio piu’ stringente riguardo ai flussi finanziari acopertura degli ammortizzatori in deroga”.

Il sindacato lancia cosi’ l’allarme sul blocco deipagamenti per i lavoratori in deroga sottolineando che ”none’ possibile che la sacrosanta necessita’ di una gestionefinanziaria ordinata, sia pagata dai lavoratori di impresegia’ in difficolta’, altrimenti non avrebbero scelto diricorrere agli ammortizzatori, o addirittura gia’licenziati”. La Cgil – prosegue il sindacato nella nota -, ”non ha mainegato l’insufficienza degli stanziamenti per gliammortizzatori in deroga, anzi ne ha per prima rimarcatol’inadeguatezza, e non ha certo mai contestato l’esigenza chetra Regioni ed Inps venissero stabilite regole di trasparenzacontabile reciproca, tali da avere un quadro costantementeaggiornato sui flussi di spesa”.

Questa necessita’ di ‘trasparenza’ pero’, continua ilsindacato di corso d’Italia, ”non puo’ ottenersi con ilblocco delle pratiche, che oltretutto provoca l’allungamentodel pregresso inevaso e quindi i tempi di erogazione (unavolta che auspicabilmente il blocco venisse rimosso)”. LaCgil ricorda inoltre ”che lo stesso accordo tra Governo eRegioni prevede che qualora le risorse si rivelasseroinsufficienti sarebbe compito del Governo provvedere a sanarela carenza”. La Cgil, oltre a ”contestare un simile modo diprocedere”, chiede ”un immediato chiarimento con ilMinistero del lavoro e l’Inps” e dichiara che ”qualora ilblocco fosse mantenuto si mobilitera’ nelle forme e nei modiche valutera’ necessari”.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su