Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Germania: raccoglie 4 mld con titoli quinquennali. I primi con Cac

colonna Sinistra
Mercoledì 9 gennaio 2013 - 13:27

Germania: raccoglie 4 mld con titoli quinquennali. I primi con Cac

(ASCA) – Roma, 9 gen – La Germania raccoglie 4,086 miliardidi euro collocando obbligazioni quinquennali con unrendimento dello 0,53% in aumento di 12 punti base rispettoalla precedente asta dello scorso 28 novembre. Si tratta della prima emissione di titoli di stato dellaGermania che incorpora la Clausola di azione collettiva (Cac). Questa clausola e’ divenuta obbligatoria, dal primogennaio di quest’anno, per le emissioni di titoli di stato,con scadenza superiore a 12 mesi, dei paesi dell’Eurozona.

L’obbligo deriva dall’entrata in funzione, dal primo gennaiodel 2013, del Fondo salva stati europei permanente (Esm). La Clausola di azione collettiva e’ stata finora inseritae attivata retroattivamente nella prima ristrutturazione deldebito pubblico della Grecia in mano ai privati. Allora,marzo 2012, le adesioni degli investitori avevano toccatol’85% dei titoli oggetto della ristrutturazione contro unasoglia minima del 95%, che fu raggiunta proprio attivando laCac che, fissando un quorum di maggioranza tra i possessoridei bond ellenici oggetto della ristrutturazione,estendeval’obbligo di adesione, e di perdite, anche a coloro che nonavevano aderito alla proposta.

Ancora presto, secondo gli analisti, per determinare glieffetti dell’introduzione della Cac sul mercato del debitopubblico. La presenza di questa clausola, potrebbedeterminare una modesta segmentazione nei rendimenti deititoli di stato collocati da una stato dell’Eurozona. Quelli emessi fino al 31 dicembre 2012, dovrebbero,almeno sul piano teorico, offrire rendimenti leggermenteinferiori a quelli di nuova emissione, in quanto questiultimi incorporano un elemento coercitivo di rischio nel casodi ristrutturazione del debito.

men/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su