Header Top
Logo
Venerdì 28 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Spaventa: addio all’economista ‘british’ studioso di Piero Sraffa

colonna Sinistra
Lunedì 7 gennaio 2013 - 15:34

Spaventa: addio all’economista ‘british’ studioso di Piero Sraffa

(ASCA) – Roma, 7 gen – Un economista rigoroso stile britishstudioso di Piero Sraffa. Luigi Spaventa scelto da CarloAzeglio Ciampi per guidare il ministero del Bilancio nel 1993e’ stato un grande accademico con una solida culturaeconomica, materia che sapeva maneggiare molto bene, andandosempre pero’ alla ricerca della conferma empirica dei suoistudi. Keynesiano, colto, ironico era nato a Roma nel 1934.

Fu professore di Economia politica a Palermo, a Perugia e poialla Sapienza a Roma alla facolta’ di Statistica, e feceparte di quel gruppo di studiosi di analisti economica che siriunivano per approfondire gli studi su ‘Produzione di mercia mezzo di merci’ di Piero Sraffa’, come tentativo direinterpretazione Keynesiana del pensiero di un Ricardiano,appunto come Sraffa. Ieri Spaventa e’ scomparso a Romaall’eta’ di settantotto anni dopo una lunga malattia.

Laureato a Roma, prosegui’ i suoi studi proprio a Cambridge.

Era stato con Antonio Pedone e Giorgio Ruffolo uno degliideatori della programmazione economica nel nostro paese.

Studioso inoltre del mercato del lavoro e delleproduttivita’, fu deputato indipendente nelle liste del Pcidal 1976 al 1983, ministro del Bilancio con Ciampi fino al1994 e poi presidente del Monte dei Paschi di Siena e dellaConsob.

Sfido’ Silvio Berlusconi alle elezioni del 1994. Non amava igiornalisti e detestava la mondanita’. Ma dietro quellaapparente scontrosita’ che per taluni celava piuttosto la suatimidezza, si nascondeva un uomo rigoroso, molto stimato nelmondo accademico, che nel corso della disputa elettorale del1994 candidato nella lista progressista, seppe andare oltrela sua natura e confrontarsi nei mercati rionali romani con isuoi potenziali sostenitori. I funerali domani a Roma.

ram

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su