giovedì 08 dicembre | 18:08
pubblicato il 16/set/2014 13:00

* Csc: Italia ancora in recessione, reagire subito

"Si puo' e si deve agire tempestivamente" (ASCA) - Roma, 16 set 2014 - L'Italia e' ancora in recessione. Per invertire la rotta e' urgente reagire subito, partendo dalla legge di Stabilita' e dalle riforme strutturali. A lanciare l'allarme crescita e' il Centro Studi di Confindustria negli ultimi Scenari Economici.

Nelle nuove stime il Csc prevede un Pil a -0,4% nel 2014 e a +0,5% nel 2015. Il risultato di quest'anno e' "ormai compromesso" ma a rischio e' quello del 2015. Ecco perche', secondo gli economisti di viale dell'Astronomia, "si puo' e si deve agire tempestivamente con misure di rilancio della competitivita' e degli investimenti: i risultati arriverebbero rapidamente".

Mlp

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni