lunedì 23 gennaio | 12:08
pubblicato il 16/set/2014 13:00

* Csc: Italia ancora in recessione, reagire subito

"Si puo' e si deve agire tempestivamente" (ASCA) - Roma, 16 set 2014 - L'Italia e' ancora in recessione. Per invertire la rotta e' urgente reagire subito, partendo dalla legge di Stabilita' e dalle riforme strutturali. A lanciare l'allarme crescita e' il Centro Studi di Confindustria negli ultimi Scenari Economici.

Nelle nuove stime il Csc prevede un Pil a -0,4% nel 2014 e a +0,5% nel 2015. Il risultato di quest'anno e' "ormai compromesso" ma a rischio e' quello del 2015. Ecco perche', secondo gli economisti di viale dell'Astronomia, "si puo' e si deve agire tempestivamente con misure di rilancio della competitivita' e degli investimenti: i risultati arriverebbero rapidamente".

Mlp

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Borsa
Borsa, Piazza Affari piatta a metà mattinata. Ftse Mib -0,08%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4