lunedì 05 dicembre | 20:13
pubblicato il 16/set/2014 13:00

* Csc: da inizio crisi persi quasi 2 milioni di posti di lavoro

"Lieve recupero" nel 2015 ma disoccupazione al 12,5% in 2014-2015 (ASCA) - Roma, 16 set 2014 - In fumo quasi 2 milioni di posto di lavoro dall'inizio della crisi. Secondo il Centro Studi di Confindustria, dal 2007, sono andati persi 1 milione e 978mila Ula (unita' di lavoro equivalenti a tempo pieno). La situazione dovrebbe cominciare a migliorare nel 2015 con un "lieve recupero", ma il biennio 2014-2015 si chiudera' con 1 milione e 904mila Ula occupate in meno rispetto a fine 2007 (-7,6%).

Quanto al tasso di disoccupazione, rimarra' stabile su alti livelli sia nel 2014 che nel 2015 (al 12,5%). Considerando anche le Ula equivalenti in Cassa integrazione guadagni, il Csc stima che l'incidenza della forza lavoro inutilizzata rimarra' al 13,9% fino a inizio 2015, per scendere nel corso dell'anno (13,6% nell'ultimo quarto).

Mlp

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari