Header Top
Logo
Venerdì 29 Maggio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Hertz, colosso dell’autonoleggio, avvia fallimento in Usa e Canada

colonna Sinistra
Sabato 23 maggio 2020 - 11:22

Hertz, colosso dell’autonoleggio, avvia fallimento in Usa e Canada

Attività in Europa, Australia e Nuova Zelanda non interessate
Hertz, colosso dell’autonoleggio, avvia fallimento in Usa e Canada

Roma, 23 mag. (askanews) – Hertz, il colosso dell’autonoleggio sostenuto dall’imprenditore miliardario americano Carl Icahn, ha presentato istanza di fallimento, entrando a far parte di un gruppo sempre più ampio di note aziende americane costrette a cessare l’attività a causa dell’impatto della pandemia di coronavirus.

La società con sede in Florida ha reso noto che le sue sussidiarie statunitensi e canadesi hanno presentato istanza di fallimento a norma del cosiddetto ‘capitolo 11’ dopo non aver rispettato un termine di pagamento concordato con i suoi finanziatori. Hertz aveva già mancato un pagamento all’inizio del mese scorso, ma i suoi finanziatori avevano concordato di rinviare il pagamento a venerdì scorso

Le attività di Hertz in Europa, Australia e Nuova Zelanda non sono interessate dal deposito.

“L’impatto di Covid-19 sulla domanda di viaggio è stato improvviso e drammatico, causando un brusco calo delle entrate dell’azienda e delle prenotazioni future”, ha affermato Hertz in un comunicato.

Il coronavirus, che ha innescato provvedimenti di chiusura da parte dei governi in tutto il mondo e ha bloccato i viaggi internazionali, ha scatenato una crisi esistenziale tra le maggiori compagnie di autonoleggio del mondo nelle ultime settimane che probabilmente costringerà altre società a presentare istanza di fallimento.

I noleggi auto – riporta il Financial Times – dipendono in gran parte dagli aeroporti per i profitti negli Stati Uniti e in tutta Europa, che rappresentano i due terzi delle loro attività. Tuttavia, poiché i numeri dei voli sono crollati a causa dei divieti di viaggio, i gruppi di noleggio hanno visto evaporare i ricavi.

Hertz, ha circa 19 miliardi dollari di debiti, aveva cercato di ristrutturare l’attività molto prima che il coronavirus fermasse l’industria dei viaggi mentre il gruppo di noleggio stava lottando per respingere le perdite dovute alla crescente concorrenza di rivali come Avis e start up come Uber.

Ad aprile, la società, in cui Icahn è il maggiore azionista con una partecipazione del 39%, ha deciso di tagliare 10.000 posti di lavoro, più di un quarto della sua forza lavoro americana, nel tentativo di mitigare l’impatto della crisi sanitaria ed economica.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su