Header Top
Logo
Domenica 18 Febbraio 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Germania, Pil + 0,6% in IV trimestre, + 2,2% per intero 2017

colonna Sinistra
Mercoledì 14 febbraio 2018 - 10:57

Germania, Pil + 0,6% in IV trimestre, + 2,2% per intero 2017

Il miglior tasso di espansione dal 2011
Germania, Pil + 0,6% in IV trimestre, + 2,2% per intero 2017

Roma, 14 feb. (askanews) – La Germania, la più grande economia d’Europa, è cresciuta dello 0,6 per cento tra ottobre e dicembre: i dati ufficiali appena resi noti evidenziano la perdurante forza economica del paese mentre i politici faticano a formare un governo. La cifra segue una crescita dello 0,9% nel primo trimestre del 2017, dello 0,6% nel secondo e dello 0,7% nel terzo – tutti aggiustati per gli effetti di prezzo, stagionali e di calendario.

Combinati, i risultati trimestrali si traducono in un incremento del 2,2% per l’intero anno, il tasso migliore dal 2011. I dati odierni hanno confermato una stima preliminare della crescita annuale pubblicata da Destatis a gennaio.

Gli ultimi tre mesi dell’anno hanno visto le esportazioni contribuire maggiormente alla crescita rispetto a luglio e settembre. Nel frattempo, i consumi privati sono rimasti sostanzialmente invariati su base trimestrale, mentre la spesa pubblica è aumentata. Gli investimenti in beni capitali sono aumentati, mentre la spesa per costruzioni è diminuita.

“Guardando al futuro, gli stessi fondamentali che hanno sostenuto la crescita nel 2016 e 2017 dovrebbero ancora essere messi in atto” quest’anno, ha detto l’economista Carsten Brzeski della banca ING Diba, indicando bassi tassi di interesse, un forte mercato del lavoro e una ripresa sincronizzata in tutto il 19 -nazionale eurozona. “L’economia potrebbe continuare al ritmo attuale per almeno uno o due anni senza mostrare segni di surriscaldamento”, ha aggiunto.

Il ministero dell’economia tedesco a gennaio ha previsto un’espansione leggermente più rapida e pari al 2,4% per quest’anno. Rimangono i rischi globali e locali, compresi gli impulsi protezionistici dell’amministrazione del presidente Donald Trump negli Stati Uniti, le crescenti tensioni geopolitiche nella zona euro e oltre, e il pericolo dell’instabilità politica interna.

Il partito socialdemocratico di centrosinistra ha firmato un accordo per rinnovare la “grande coalizione” di sinistra-destra con i conservatori del cancelliere Angela Merkel dopo che entrambi i partiti hanno subito una battuta d’arresto nelle elezioni dello scorso settembre. (con fonte Afp)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su