Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Rosneft, Milenski: previste ulteriori partnership con Italia

colonna Sinistra
Giovedì 16 febbraio 2017 - 14:46

Rosneft, Milenski: previste ulteriori partnership con Italia

Privatizzazione fatto storico. Miccichè: operazione importante
20170216_144650_08ECA633

Milano, 16 feb. (askanews) – L’accordo sulla privatizzazione del 19,5% di Rosneft “rappresenta un fatto storico ed è una possibilità importante per lo sviluppo globale di Rosneft. Ci saranno ancora altri progetti che riguarderanno la cooperazione con l’Italia, dove nel 2016 abbiamo esportato per un valore di 2,7mld di dollari”. E’ quanto ha dichiarato l’advisor di Rosneft, Emerson Milenski, intervenendo al quinto seminario italo-russo organizzato dal Consolato Generale della Federazione Russa a Milano, Conoscere Eurasia, Roscongress e Forum Economico internazionale di San Pietroburgo in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Banca Intesa Russia e Pavia e Ansaldo Studio legale.

“Nello scorso dicembre – ha proseguito – abbiamo annunciato un accordo per l’acquisizione da Eni di una quota fino al 35% nella concessione di Shorouk per lo sviluppo di Zohr, il più grande giacimento di gas nell’offshore dell’Egitto, e del 15% nel progetto di Petroshorouk, una joint venture tra Eni e Egaz. In totale l’investimento di Rosneft sul progetto nei 4 anni sarà di 4,5mld di dollari. Stiamo inoltre sviluppando – ha concluso – la cooperazione con altri partner italiani: Enel, Leonardo Finmeccanica, Fincantieri, Pirelli, Autogrill, Pietro Barbaro, Intesa Sanpaolo e Pirelli”.

La sindacazione per il prestito legato alla vendita del 19,5% di Rosneft, ha spiegato Gaetano Micciché, presidente di Banca Imi (Intesa Sanpaolo), non si è ancora conclusa e coinvolgerà anche banche internazionali. “Intesa ha avuto un ruolo importante.

Siamo stati adviser di Rosneft”, ha detto, a margine del convegno. “È stata una operazione importante e brillante che ha visto due nuovi azionisti acquistare questa partecipazione, il Qatar investment Authority e Glencore”. La sindacazione, ha spiegato, “non si è ancora conclusa” e si concluderà “non appena ci saranno le condizioni favorevoli” e ne faranno parte “banche internazionali”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su