Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Trump contro le valute deboli (degli altri).E attacca la Germania

colonna Sinistra
Martedì 31 gennaio 2017 - 19:04

Trump contro le valute deboli (degli altri).E attacca la Germania

Il presidente accusa anche Cina e Giappone di manipolare cambi
20170131_190402_00E65123

New York, 31 gen. (askanews) – All’amministrazione Trump un dollaro forte proprio non piace. E ancora meno piace la politica sui cambi di nazioni straniere. Arrivato al suo undicesimo giorno alla Casa Bianca, il presidente americano Donald Trump ha accusato la Cina e il Giappone di avere manipolato le proprie valute con l’intento di sostenere le esportazioni. E prima di lui il suo consulente numero uno in campo commerciale, Peter Navarro, ha attaccato la Germania di sfruttare a sua volta un euro “esageratamente svalutato” avvantaggiandosi rispetto ai suoi partner commerciali. Non si tratta del modo migliore per iniziare le relazioni sull’asse Berlino-Washington. Non a caso il cancelliere tedesco Angela Merkel – domenica scorsa invitata da Trump ad andare “presto” alla Casa Bianca nel corso di una telefonata centrata sulla politica estera – ha subito respinto le accuse.

La presa di posizione di Trump, diventato famoso per avere detto in una intervista al Wall Street Journal di metà gennaio che “il dollaro è troppo forte” (cosa su cui i suoi predecessori si sono guardati bene dal fare evitando commenti sui cambi), ha spinto il biglietto verde contro un basket di valute sui minimi dello scorso novembre. L’euro è arrivato a comprare 1,0793 dollari (+0,9%). Un dollaro viene scambiato per 112,712 yen (-0,96%) consentendo alla divisa giapponese di continuare a rafforzarsi dopo la decisione della Bank of Japan di lasciare invariati i tassi e di alzare le stime di crescita. E’ evidente che il 45esimo presidente Usa preferisca un biglietto verde più debole perché permetterebbe ai prodotti Made in Usa di essere meno costosi agli occhi degli acquirenti stranieri.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su