Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • L’Italia è il Paese europeo dove si fanno meno bambini

colonna Sinistra
Venerdì 8 luglio 2016 - 12:33

L’Italia è il Paese europeo dove si fanno meno bambini

Solo 8 per mille. E popolazione cala nonostante immigrazione
20160708_123318_D10B011C

Roma, 8 lug. (askanews) – L’Italia è il quarto Paese demograficamente più grande dell’Unione europea, con 60 milioni 795 mila residenti che rappresentano l’11,9 per cento degli oltre 508 milioni di residenti nell’Ue, al primo gennaio 2016. Tuttavia, secondo un rapporto stilato da Eurostat, l’Italia è anche tra gli Stati a subire le maggiori contrazioni nette sul numero di abitanti, un meno 2,1 per mille rispetto all’anno precedente a fronte della crescita generale dell’Unione, pari al più 3,5 per mille.

L’Italia è anche il Paese con il tasso di natalità lordo più basso in assoluto, un 8 per mille a fronte del 10 per mille della media Ue. Nel 2015, dice ancora Eurostat, nella Penisola sono nati 485,8 milioni di bimbi, e il numero di decessi, 647,6 milioni supera ampiamente le nuove nascite.

Nell’Ue sono nati 5,1 milioni di bimbi a fronte di 5,2 milioni di decessi, quindi anche nell’Ue il tasso “naturale” di variazione della popolazione è leggermente negativo, pari al meno 0,3 per mille L’incremento assoluto della popolazione Ue è quindi interamente dovuto all’afflusso di migranti. In Italia questo il tasso di variazione naturale della popolazione è del meno 2,7 per mille (il tasso di variazione assoluto come anzi detto è del meno 2,1 per mille).

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su