Header Top
Logo
Venerdì 22 Settembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Nuovo allarme Tesoro Gb su Brexit: “Almeno un anno in recessione”

colonna Sinistra
Lunedì 23 maggio 2016 - 12:41

Nuovo allarme Tesoro Gb su Brexit: “Almeno un anno in recessione”

Osborne: davvero vogliamo ricascarci deliberatamente?
20160523_124119_B025DCFD

Londra, 23 mag. (askanews) – La Brexit farebbe piombare l’economia del Regno Unito in recessione per almeno un anno intero e con un Pil che, in capo ad un biennio, risulterebbe di 3,6 punti percentuali più basso di quello che sarebbe restando nell’Unione europea. E’ la nuova sventura profetizzata dal Tesoro britannico, in vista del referendum che si terrà il 23 giugno, l’ennesimo allerta ansiogeno che i britannici si vedono mettere davanti nelle loro riflessioni all’avvicinarsi dell voto.

E il susseguirsi di allarmi su quelle che sarebbero le ricadute economiche negative della Brexit sembra aver iniziato a far breccia nell’opinione pubblica, dove secondo alcuni sondaggi di recente il fronte dei favorevoli alla permanenza nell’Unione è diventato maggioritario. I sostenitori della separazione invece fanno soprattutto leva sul rischio di immigrazione incontrollata restando nell’Ue, mentre sminuiscono i rischi economici della Brexit e anzi a volte sostengono che da sola Londra potrebbe perfino spuntare accordi commerciali più convenienti.

Il Tesoro Gb aveva già paventato lo “shock economico” che una uscita avrebbe innescato, formula ripresa sabato scorso dal G7 dei ministri delle Finanze riuniti a Sendai, in Giappone. Ora rincara la dose. “L’economia britannica piomberebbe in una recessione di un anno”, con il paese che improvvisamente si ritroverebbe “meno aperto al commercio e agli investimenti”, mentre secondo l’ultimo rapporto l’incertezza su quello che si verificherà in seguito minerebbe gli investimenti delle imprese e creerebbe volatilità sui mercati finanziari.

Sulla base di questi scenari, il cancelliere dello Scacchiere George Osborne ha rilanciato le sue esortazioni. “I britannici hanno lavorato duramente per rimettere il nostro paese in carreggiata. Il Regno Unito vuole forse ricascare in recessione per scelta sua?”. Il ministro ha ricordato che dopo la crisi globale il Paese ha subito la peggiore recessione economica dai tempi della II Guerra Mondiale. Nelle ultime settimane le previsioni allarmistiche sulla Brexit si sono succedute, dall’Ocse al Fondo monetario internazionale. (con fonte Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su