Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Iran: su banche europee pressioni da Usa per non lavorare con noi

colonna Sinistra
Domenica 15 maggio 2016 - 09:50

Iran: su banche europee pressioni da Usa per non lavorare con noi

Viceministro esteri Arangchi:difficoltà malgrado accordo nucleare
20160515_095035_961FDB19

Roma, 15 mag. (askanews) – Le grandi banche europee restano riluttanti a lavorare in Iran anche se sono passati già quattro mesi dalla revoca delle sanzioni internazionali a Teheran nell’ambito di un accordo sull’uso del nucleare. Lo denuncia il vice ministro degli esteri iraniano Abbas Araghchi, intervistato dall’emittente IRIB. “Le principali banche europee – ha detto – non hanno ancora iniziato le loro interazioni con le banche iraniane, anche se alcuni istituti finanziari di medie e piccole dimensioni hanno stabilito relazioni, tra cui l’apertura di lettere di credito”.

Il vice ministro ha poi accusato “gruppi di pressione estremisti” negli Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita di fomentare animosità nei confronti dell’Iran per evitare che siano raccolti i frutti dell’accordo nucleare punto di riferimento siglato lo scorso luglio.

Quando l’accordo è entrato in vigore a gennaio, Washington ha revocato le sanzioni direttamente connesse al programma nucleare di Teheran, ma ha mantenuto altri imposti sul suo programma di missili balistici e il suo presunto sostegno di gruppi di “terrore”.

Diverse banche europee hanno ricevuto enormi multe negli Stati Uniti in passato dopo essere state giudicate colpevoli di aver violato le sanzioni degli Stati Uniti contro l’Iran.(con fonte Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su