Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Alphabet, utili I trimestre +20%, ricavi +17%,sotto stime

colonna Sinistra
Venerdì 22 aprile 2016 - 09:29

Alphabet, utili I trimestre +20%, ricavi +17%,sotto stime

Il cost per click della controllata Google delude
20160422_092853_835D4D5C

New York, 22 apr. (askanews) – Utili trimestrali in rialzo del 20% ma deludenti e prezzi delle pubblicità su Google in calo. Sono questi i fattori che hanno punito il titolo Alphabet ieri nel dopo mercato: sul Nasdaq il gruppo che controlla il famoso motore di ricerca ha perso oltre il 6% a 731 dollari ma era arrivato a cedere oltre il 7%, la peggiore performance dal gennaio 2012. La seduta era finita in aumento dello 0,66% a 780 dollari.

Nel primo trimestre dell’anno in corso, Alphabet ha messo a segno utili per 4,207 miliardi di dollari, o 6,02 dollari per azione, in aumento dai 3,515 miliardi, o 5,10 dollari per azione, dello stesso periodo del 2015. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono passati in un anno a 7,5 dollari da 6,47 dollari contro attese degli analisti per 7,97 dollari.

I ricavi sono arrivati a 20,257 miliardi, in aumento del 17% circa dai 17,258 miliardi del periodo terminato il 31 marzo 2015.Anche in questo caso però non sono state centrate le previsioni del mercato che erano di 20,37 miliardi. Presupponendo cambi valutari costanti, le vendite sarebbe cresciute del 23%.

I ricavi del segmento Google – che include anche il sito di video YouTube – sono stati pari a 20,091 miliardi, in salita del 17% dai 17,178 miliardi dei primi tre mesi del 2015. In particolare le vendite generate da pubblicità sono state di 18 miliardi circa, in rialzo del 16%. Il numero di click fatti dagli internauti su siti legati a Google e che hanno generato introiti sono saliti del 38% rispetto al primo trimestre del 2015. Il cost-per-click (una misura dei prezzi per la pubblicità attentamente monitorata) è sceso del 12% sui siti Google.

La voce “Other Bets” (letteralmente, altre scommesse, che comprende progetti come le vetture senza autista, Google Fibre e prodotti come i termostati Nest) ha registrato un fatturato di 166 milioni, in aumento dagli 80 dell’anno prima (meglio delle stime), ma in questo caso c’è stata una perdita operativa di 802 milioni di dollari, in aumento da quella pari a 633 milioni dello stesso periodo del 2015.

Le spese operative sono cresciute a 7,267 miliardi di dollari da 6,455 miliardi del primo trimestre del 2015. Il numero di persone sul libro paga è cresciuto a 64.115 da 55.419.

Nella seconda trimestrale da quando il gruppo si è riorganizzato come Alphabet – una mossa pensata per separare le attività più redditizie di Google da quelle in perdita o sperimentali – la liquidità disponbile è stata pari a 75,264 miliardi di dollari, il 60% della quale è detenuta all’estero, dai 65,436 di un anno prima.

Per Ruth Porat, direttore finanziario di Alphabet, i conti del primo trimestre rappresentano un “inizio di anno eccezionale”.Porat ha aggiunto che “stiamo premurosamente puntando a grandi scommesse e costruendo nuove tecnologie entusiasmanti, in Google e in ‘Other Bets’, che ci posizionano bene per una crescita di lungo termine”. Durante la conference call, Porat ha parlato di un “buon momento per il nostro business su scala globale”, guidato da una “forza sostanziale” nelle ricerche sugli smartphone e di una “crescita solida” su desktop pc e tablet. I ricavi di YouTube sono cresciuti, ha detto, “a un passo veramente significativo”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su