Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Cina, gigante siderurgico Wuhan taglia 50.000 posti, 62% totale

colonna Sinistra
Venerdì 11 marzo 2016 - 13:13

Cina, gigante siderurgico Wuhan taglia 50.000 posti, 62% totale

Pechino prevede di perdere 1,8 mln di posti su acciaio e carbone
20160311_131328_4AE48B3F

Pechino, 11 mar. (askanews) – Pesanti tagli occupazionali in Cina, dove il presidente del gigante siderurgico Wuhan ha annunciato l’intenzione di procedere ad una sforbiciata che potrebbe colpire fino a 50.000 lavoratori, oltre il 62 per cento dell’organico totale, attualmente pari a 80.000 addetti. “All’incirca 40.000 o 50.000 persone dovranno probabilmente andare a cercare lavoro altrove”, ha affermato Ma Guoqiang a margine di una audizione in parlamento, secondo quanto riporta il Quotidiano del popolo cinese.

Un colpo di scure conseguente al gigantesco eccesso di capacità produttive della Cina, che ora è andato a sbattere contro una economia globale in frenata e la caduta dei prezzi delle materie prime. Wuhan in particolare opera solo al 70-75 per cento delle sue capacità totali, secondo l’industriale.

Analogamente, lo scorso settembre i media cinesi avevano riferito che il gigante minerario Longmay, attivo soprattutto sull’estrazione di carbone, contava di tagliare 100.000 posti. Per parte sua il governo cinese la scorsa settimana ha riferito di attendersi una riduzione complessiva di 1,8 milioni di posti su carbone e acciaio.

Pechino si trova a dover gestire questi eccessi di capacità produttive, nell’ambito anche di un cambiamento storico di modello economico che dovrebbe maggiormente orientarsi al mercato interno, mentre in Europa crescono le proteste contro le pratiche di dumping commerciale con cui la Cina sta colpendo la siderurgia locale. (fonte Afp)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su