Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Usa: tradizione lunga 60 anni, il Norad segue slitta Babbo Natale

colonna Sinistra
Giovedì 24 dicembre 2015 - 16:37

Usa: tradizione lunga 60 anni, il Norad segue slitta Babbo Natale

C'è anche un sito per vedere quanti regali sono stati consegnati
20151224_163658_E9F4A6DE

New York, 24 dic. (askanews) – Babbo Natale non esiste? Non sono di questa idea quelli dell’Aeronautica militare americana che usano un radar militare per seguire il suo viaggio intorno al mondo per consegnare i regali. E non è la prima volta: per sessant’anni il North American Aerospace Defense Command (Norad) e il suo predecessore Continental Air Defense Command (Conad) hanno monitorato gli spostamenti della slitta trainata dalle renne, nonché la consegna di doni.

Sul sito creato dal Norad, noradsanta.org , si seguono i movimenti di Babbo Natale e il numero di doni consegnati.

Tutto è iniziato nel 1955 ed è stata colpa di una pubblicità: su un cartellone pubblicitario del Colorado, dedicato a prodotti natalizi, era segnato il numero che i bambini avrebbero dovuto chiamare per parlare con Babbo Natale. Il guaio è stato che, per errore, il numero scritto era quello del comando per la difesa aerospaziale. L’allora direttore Harry Shoup, per non deludere i bambini, aveva dato indicazione allo staff di rispondere a chi avesse chiamato dando aggiornamenti sulla posizione di Babbo Natale. Quello che Shoup non sapeva era di avere dato il via a una tradizione che dura ancora oggi.

In quel Natale del 2015 a rendere tutto ancora più memorabile fu il fatto che tre settimane prima di Natale, al Norad era stata messa in programma una simulazione di guerra di nove ore, ribattezzata Operazione Crackerjack, che aveva l’obiettivo di verificare che tutto fosse pronto per un eventuale attacco nucleare da parte dei russi.

Nel corso dell’esercitazione, il telefono dedicato all’allarme rosso squillò. Shoup racconta ancora oggi di avere pensato che fosse improbabile che i russi avessero deciso di lanciare un attacco, ma di avere risposto con una certa apprensione: enorme la sua sorpresa quando ascoltò il messaggio, non era l’allarme per un attacco imminente, ma un bambino che chiedeva dove fosse Babbo Natale.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su