Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Bce sotto pressione per inatteso calo inflazione Eurozona

colonna Sinistra
Mercoledì 30 settembre 2015 - 15:12

Bce sotto pressione per inatteso calo inflazione Eurozona

Dopo Draghi anche Praet ribadisce: pronti ad agire se necessario
20150930_151228_734CF32B

Roma, 30 set. (askanews) – L’inatteso calo dell’inflazione verificatosi a settembre nei 19 Paesi della zona euro mette sotto pressione la Banca Centrale Europea per un possibile rafforzamento dello stimolo monetario già intrapreso con il suo Quantitative Easing. L’indice flash dei prezzi al consumo elaborato da Eurostat è sceso questo mese dello 0,1% tornando a mettere il segno meno per la prima volta dal marzo scorso. Un risultato inferiore a quello stimato dal campione di 38 economisti sondati da Bloomberg che avevano pronosticato un valore invariato.

Anche se a trainare al ribasso l’indice sono stati soprattutto i prezzi dei beni energetici, scesi dell’8,9% mentre l’inflazione core, depurata da energia, alimenti, alcool e tabacco, è rimasta stabile a +0,9%, crescono le aspettative per un nuovo intervento della Bce. Il presidente dell’istituto di Francoforte, Mario Draghi ha già segnalato nei giorni scorsi che potrebbe espandere il quantitative easing, le iniezioni di liquidità effettuate attraverso l’acquisto di titoli, che attualmente ha una dimensione complessiva programmata di almeno 1.100 miliardi di euro. L’obiettivo, in linea con la missione statutaria della Banca, è quello di riportare l’inflazione di Eurolandia a valori vicini ma sotto il 2%.

Anche il capoeconomista della Bce, il belga Peter Praet, in un’intervista pubblicata oggi dal quotidiano svizzero Neue Zurcher Zeitung, ribadisce la prontezza ad agire. Il presidente Draghi, ha affermato Praet “sta ripetendo ciò che abbiamo detto sin dall’inizio e cioè che il programma è flessibile e che può essere adattato se necessario”. Si va verso un’espansione del QE? “L’unica cosa importante da rimarcare – risponde il capoeconomista – è la nostra prontezza e decisione ad agire se necessario. Al momento sarebbe prematuro, ma i rischi nell’economia mondiale sono cresciuti in modo significativo. Abbiamo dovuto abbassare le nostre previsioni economiche e vogliamo semplicemente essere pronti ad agire se le circostanze lo richiederanno”.

Sul mercato cresce la convinzione che la Bce interverrà presto. Due terzi degli economisti sondati questo mese da Bloomberg sono convinti che il programma di stimolo monetario sarà rafforzato e la maggioranza di coloro che ha fornito una scadenza crede che l’intervento arriverà entro la fine dell’anno.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su