Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Grecia, il compromesso sul fondo di privatizzazioni da 50 mld

colonna Sinistra
Lunedì 13 luglio 2015 - 12:07

Grecia, il compromesso sul fondo di privatizzazioni da 50 mld

Metà sulle banche e il rimanente suddiviso tra debito e sviluppo
20150713_120712_6B69EB1B

Roma, 13 lug. (askanews) – Sarà di 50 miliardi, come voluto da Berlino, l’ammontare obiettivo del “fondo della discordia” imposto alla Grecia in cambio di un terzo piano di aiuti (ancora da negoziare). Il fondo è per metà destinato a pagare la gigantesca ricapitalizzazione delle banche greche, e per l’altra metà a garantire e riscattare l’immenso debito pubblico accumulato dal Paese, ma alla pari – ed è questo il compromesso che Atene è riuscita ad ottenere anche con l’appoggio dell’Italia – anche a sostenere piano di sviluppo dell’economia. Altro aspetto chiave è che resterà tutto in Grecia, pur sotto la “supervisione” delle istituzioni Ue.

In pratica, secondo il documento approvato dai capi di Stato e di governo dell’area euro all’unanimità, il fondo alimentato mediante il conferimento di beni da privatizzare o da gestire dovrà generare un obiettivo totale di 50 miliardi di euro.

Di questi fondi, 25 miliardi saranno utilizzati per pagare la ricapitalizzazione delle banche. Le stime dell’Eurogruppo parlavano di un fabbisogno di capitale tra 10 e 25 miliardi, appunto. E si tratta di una voragine che in buona parte si è scavata negli ultimi mesi, con la fuga di capitali e di depositi che si è scatenata dopo la vittoria elettorale di Syriza (e di cui il partito di governo viene incolpato anche per la sua gestione dei negoziati).

Secondo il documento dell’Eurosummit, il rimanente del fondo verrà utilizzato “al 50 per cento” per diminuire il debito pubblico e al 50 per cento per sostenere gli investimenti. In pratica sullo sviluppo confluirebbero 12,5 miliardi di euro di questi 50 miliardi teorici, che si andranno ad aggiungere ai 35 miliardi di euro di fondi previsti per la Grecia dal piano di investimenti Juncker.

Ma appunto si tratta di cifre teoriche. Perché nel corso di questa ultima fase di negoziati il premier greco Alexis Tsipras aveva avvertito che Atene stimava in al massimo 17 miliardi di euro i proventi possibili da privatizzazioni. E secondo il Fmi questa voce sarebbe ancora più bassa: 7 miliardi di euro.

Al termine del vertice il presidente del consiglio Matteo Renzi ha rilevato come la cifra di 50 miliardi rappresenti una “esagerazione”. Anche perché, ha spiegato un Paese come l’Italia che si è spinto molto più avanti di altri sulle privatizzazioni ne ha ricavato fondi per l’equivalente dell’11 per cento del Pil mentre 50 miliardi in Grecia equivarrebbero al 25 per cento del Pil.

Altro punto cruciale del compromesso è che il fondo in questione avrà sede in Grecia e sarà gestito dalle autorità locali, per quanto come anzi detto sotto la supervisione dell’Ue. “Abbiamo lottato molto perché questo fondo stesse in Grecia e non fosse commissariato – ha detto Renzi – perché sarebbe stata una umiliazione”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su