Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Grecia all’Eurogruppo con piano riforme ma pretende taglio debito

colonna Sinistra
Mercoledì 11 febbraio 2015 - 15:19

Grecia all’Eurogruppo con piano riforme ma pretende taglio debito

Varoufakis: "Non possiamo pagare". Atene torna giù -4,41%
20150211_151918_BCD869EF

Roma, 11 feb. (askanews) – La Grecia si presenta ai blocchi di partenza di un fase negoziale serrata sul suo debito, promettendo di elaborare un nuovo piano di riforme assieme all’Ocse. Che tuttavia si baserà “sul mandato popolare e sul nostro programma politico – ha precisato durante una conferenza stampa congiunta assieme al segretario generale dell’Ocse Angel Gurria – e non su quello che era stato deciso in precedenza”. Inoltre Atene sembra anche voler rilanciare la controversa richiesta di un taglio (haircut) al debito.

Ora Atene deve “scoprire le carte” e formalizzare una proposta agli altri paesi di Eurolandia, su come affrontare il nodo di un debito che ritiene “insostenibile”. Il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis sarà a Bruxelles, all’Eurogruppo straordinario che inizierà attorno alle 15 e 30 che precede il vertice dei capi di Stato e di governo di giovedì e venerdì. Dato che a breve giro c’è un altro Eurogruppo, calendarizzato da tempo per lunedì 16, di fatto potrebbe aprirsi una fase di diversi giorni di trattative intense. Fonti dell’esecutivo ellenico avevano fatto filtrare l’idea di elaborare un piano in 10 punti.

Il duro confronto a distanza dei giorni passati ha portato ad un altalenarsi di allarmismi e fiducia sui mercati, sulla possibilità di un compromesso. Oggi torna a farsi sentire l’allarmismo e la Borsa di Atene cade del 4,41 per cento nel pormeriggio, dopo il balzo di quasi l’8 per cento di ieri. I rendimenti sui titoli di Stato ellenici a 10 anni tornano a salire, al 10,88 per cento.

Molto probabilmente ha non poco contribuiti al riattizzare gli allarm,ismi il fatto che il ministro delle finaze yanis varoufakis abbia deciso di rilanciare le richieste di tagliod el debito poco prima di giungere all’Eurogruppo. Una pretesa su cui rischia il muro contro. “Se un debito non può essere pagato, allora serve un taglio (haircut) – ha detto in una intervista allo Stern -. Si può inventare ogni sorta di termine. Ma la questione decisiva è che il debito greco non può essere rimborsato nel futuro prossimo”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su