mercoledì 18 gennaio | 15:52
pubblicato il 13/gen/2017 10:54

Gasparri (FI): perchè alte cariche non informate cyberspionaggio?

Il silenzio dei magistrati è inquietante

Roma, 13 gen. (askanews) - "Ho presentato un'interrogazione parlamentare per avere una semplice risposta su quanto emerso nella vicenda di cyber spionaggio che ha interessato alte cariche dello Stato. Se il procuratore Pignatone e il pm Albamonte sapevano da mesi che il Presidente del Consiglio Renzi e altre alte cariche dello Stato erano intercettate, perché non le hanno allertate? Perché, in un caso del genere, magistrati così importanti non hanno informato chi rappresenta i vertici dello Stato che, usando determinati mezzi, rischiavano di mettere informazioni sensibili e di rilevanza per la sicurezza nazionale nelle mani di imbroglioni? Il silenzio di Pignatone è inquietante. Mi sono rivolto al ministro della Giustizia ma lo stesso farò anche con il vice presidente del Csm, Legnini. Quanto si è verificato è gravissimo. A preoccupare non sono tanto i reati su cui si sta indagando, quanto la mancata tutela della sicurezza nazionale da parte di chi doveva salvaguardarla". Lo dichiara il sen. Maurizio Gasparri (FI).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cyber Security
Grazia a Manning, chi critica (e chi sostiene) decisione Obama
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa