Header Top
Logo
Lunedì 17 Febbraio 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Quello che c’è da sapere sul primo album di Tutti Fenomeni

colonna Sinistra
Venerdì 17 gennaio 2020 - 19:50

Quello che c’è da sapere sul primo album di Tutti Fenomeni

Interessante "Merce Funebre" di Giorgio Quarzo Guarascio
Quello che c’è da sapere sul primo album di Tutti Fenomeni

Roma, 17 gen. (askanews) – Esce oggi 17 gennaio il primo album di Tutti Fenomeni. Interamente prodotto da Niccolò Contessa, che insieme a Tutti Fenomeni ha composto anche le musiche, e anticipato dai singoli “Valori aggiunti”, “Trauermarsch” e “Qualcuno che si esplode”, “Merce funebre” è il primo disco di Giorgio Quarzo Guarascio, vero nome di Tutti Fenomeni, 23enne romano emerso dalla scena del Soundcloud rap ma che da subito si è spostato verso territori inediti. E’ definito “Un cantautore post-moderno, un Battiato cresciuto nell’era della trap. La versione pericolosa e lisergica dell’itpop. Oppure la negazione perfetta di tutto quanto scritto poco sopra. Niente potrebbe essere reale, tutto potrebbe essere solo frutto della vostra immaginazione. Oppure no. Oppure chissà”.

Nelle canzoni di Tutti Fenomeni convivono le influenze musicali più disparate, ma anche un gusto notevole per lo sberleffo che si evince fin dal modo in cui vengono scritti i testi: un insieme di citazioni pescate dagli ambiti più diversi: testi di filosofia e brani della Dark Polo Gang, poi decontestualizzate fino al punto di acquisire nuovi significati.

Basta ascoltare il nuovo singolo “Qualcuno che si esplode”, un brano che sembra un piccolo manifesto generazionale senza per forza volerlo essere. Il 12 marzo al Monk di Roma Tutti Fenomeni debutterà per la prima volta dal vivo per poi proseguire con un tour di concerti nei club delle principali città italiane. Il tour è organizzato da Dna Concerti.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su