Header Top
Logo
Sabato 16 Febbraio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Rivedere The Clock, alla Tate Modern il presente e la comunità

colonna Sinistra
Venerdì 18 gennaio 2019 - 17:27

Rivedere The Clock, alla Tate Modern il presente e la comunità

Andrea Lissoni parla del film di Christian Marclay
Rivedere The Clock, alla Tate Modern il presente e la comunità

Londra, 18 gen. (askanews) – “Credo sia difficile non ammettere che The Clock è un capolavoro e un capolavoro è un’opera che sarà sempre e rimarrà sempre un classico”. Lo dice con semplicità Andrea Lissoni, senior curator alla Tate Modern di Londra, dove si sta chiudendo una lunga sessione di screening del celeberrimo film di 24 ore di Christian Marclay, un’opera che in dieci anni è divenuta un classico, nella quale, grazie al montaggio di diversi spezzoni di film, l’ora della narrazione corrisponde sempre a quella dello spettatore.

“Questo strano e fondamentale tentativo che i musei stanno cercando di realizzare, ossia dimostrare come lo spazio pubblico del museo sia unico, sia uno spazio ‘safe’ si dice in inglese, uno spazio in cui ci si sente cittadini – ha aggiunto Lissoni in un’intervista esclusiva con askanews – è veramente impersonato da The Clock perché in quello spazio, in quelle poltrone, tu sei confortevole nel guardare un’opera d’arte e ti senti al sicuro, ti senti libero, ti senti in una tua zona di tempo a fianco di altre persone che ne stanno godendo. Questa è una delle caratteristiche fondamentali del film: portare tutti a condividere, tempo più che spazio”.

Fuori una Londra grigia e piovosa come da stereotipo, dentro un ragionamento sul senso del Tempo e sulla sua narrazione, sulla realtà e l’irrealtà, sull’idea di arte e, a questo tengono molto alla Tate, di comunità. “E’ un pubblico diverso, diversificato – ha concluso il curatore – un pubblico che non ha necessariamente delle forti connotazioni anagrafiche, di provenienza, di rappresentazione d’identità e anche di classe sociale, che è la cosa più importante”.

Quello che resta, dopo un’immersione nel film di Marclay che induce chiaramente dipendenza e straniamento e, la parola è questa, una versione postmoderna di estasi, è la sensazione di avere capito e al tempo stesso di avere perso del tutto la nozione di “presente”, come se il costante parallelo tra la narrazione dell’opera e la narrazione della nostra presenza come spettatori nel mondo cosiddetto reale, mostrasse nei fatti la propria insolubile incongruenza, la sua impossibilità, proprio mentre, all’apparenza, si compie invece la perfetta mimesi tra arte e vita.

La si cerca sempre senza trovarla, forse questa volta però la definizione di cosa sia davvero l’arte contemporanea l’abbiamo in qualche modo raggiunta, dentro le parole di Andrea Lissoni e dentro il senso di questa distanza che si annulla e si moltiplica, si chiarifica scomparendo. Dopo esserci alzati ancora una volta dai divanetti di The Clock.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su