Header Top
Logo
Sabato 16 Febbraio 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Bonisoli: auspico che altri musei seguano nostre agevolazioni

colonna Sinistra
Martedì 18 settembre 2018 - 14:27

Bonisoli: auspico che altri musei seguano nostre agevolazioni

Ministro: su prime domeniche del mese gratis decidono direttori
Bonisoli: auspico che altri musei seguano nostre agevolazioni

Milano, 18 set. (askanews) – “Auspico che anche altri musei, immagino quelli civici, si uniscano a noi in questa operazione che non è per il nome o la reputazione del ministro ma è una cosa che facciamo per la nostra società”. E’ quanto ha dichiarato il ministro dei Beni e delle attività culturali, Alberto Bonisoli, in merito alle agevolazioni decise per i musei statali.

A margine di un incontro al Teatro alla Scala di Milano con il sovrintendente Alexander Pereira, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano dell’accesso gratuito ai musei statali la prima domenica del mese, il ministro ha precisato che “dipende dai direttori: noi abbiamo definito un quadro di riferimento, un modello che possa essere allo stesso tempo comunicabile e a disposizione dei direttori per fare delle scelte che vadano bene per i loro musei”. “In parole povere – ha chiarito – ci saranno le sei domeniche del mese nel periodo di bassa stagione, da ottobre a marzo, poi ci sarà una settimana intera di gratuità (dal martedì alla domenica compresa) che sarà la stessa per tutta Italia e che sarà probabilmente a marzo 2019 ma dobbiamo ancora decidere, e poi ogni direttore avrà a disposizione otto giornate che potrà mettere come preferisce”.

“Molti direttori mi hanno già anticipato che vorrebbero utilizzarle per le prime domeniche del mese anche in alta stagione e a me va benissimo, vorrà dire che in certe città si ritiene che questa sia la formula più interessante” ha proseguito Bonisoli, sottolineando che queste sono agevolazioni “che ogni direttore potrà utilizzare per cucirsi addosso la formula migliore che gli consenta di massimizzare i visitatori, di avere un ritorno economico interessante e soprattutto di avere un prestigio, una reputazione del museo all’altezza di quello che è il patrimonio artistico”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su