Header Top
Logo
Mercoledì 15 Agosto 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Libri, L’imbarcadero per Mozia di Sabrina Sciabica

colonna Sinistra
Mercoledì 14 marzo 2018 - 19:09

Libri, L’imbarcadero per Mozia di Sabrina Sciabica

Storia d'amore del IV sec ac. Il 20/3 presentato a Roma
Libri, L’imbarcadero per Mozia di Sabrina Sciabica

Roma, 14 mar. (askanews) – Mozia era un’antica città fenicia, situata sull’isola di San Pantaleo, nei pressi di Marsala. Un luogo archeologico importante, un meraviglioso angolo di Sicilia, dove la giornalista palermitana Sabrina Sciabica ha scelto di ambientare il suo primo romanzo, intitolato “L’Imbarcadero per Mozia”, pubblicato da L’Erudita.

Una storia d’amore che sa di salsedine per questa giovane autrice che sceglie di ambientare la sua storia con il mare sullo sfondo, le saline di Marsala di contorno e il calore del sole siciliano a rendere il tutto più magico.

Qualche accenno alla trama: IV secolo avanti Cristo. A Mozia si combatte una lotta spietata per il controllo del Mediterraneo. Fenici e Cartaginesi lottano una battaglia senza esclusione di colpi per difendere la loro isola dall’invasione dei Siracusani. Imbarcadero per Mozia, oggi. Dalla banchina Antonio osserva il mare plumbeo accarezzare il profilo antico dell’isola e, stagliata sull’orizzonte, la bellezza eterea di Gisella. Inizia un lungo corteggiamento, fatto di brevi ma intensi incontri, finché i due intrecciano una vera e propria relazione. Tutto è felice, perfetto e insieme all’amore anche la vena poetica di Antonio sembra vivere una nuova stagione. Ma un’ombra si affaccia all’orizzonte, minacciosa come la prima vela siracusana nei placidi mari moziesi.

L’imbarcadero per Mozia è un romanzo per molti versi storico, nelle intenzioni archeologiche che scavano a fondo nei sostrati psicologici dei personaggi e nell’impianto lirico, animato da uno stile che, alternando il verso alla prosa, rievoca il dialogo classico e tragico tra coro e attore. Sabrina Sciabica è laureata in Lingue e Letterature Straniere, è appassionata di arte e ne scrive per diverse testate. Si reca spesso a Marsala e la sua sicilianità è essenza della sua stessa personalità.

Il libro sarà presentato a Roma il 20 marzo alle 18.30 presso la libreria Notebook all’Auditorium Parco della Musica. Dialogherà con l’autrice il giornalista Paolo Gresta. Letture di Gisella Conforti.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su