Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Teatro Stabile del Veneto porta in Italia The Merchant of Venice

colonna Sinistra
Martedì 18 ottobre 2016 - 15:18

Teatro Stabile del Veneto porta in Italia The Merchant of Venice

Spettacolo del Shakespeare's Globe Theatre di Londra
20161018_151850_DCA6D8A0

Milano, 18 ott. (askanews) – Mercoledì 19 ottobre al Teatro Goldoni di Venezia, inaugura la stagione 2016/2017 del Teatro Stabile del Veneto una prima assoluta in Italia: The merchant of venice del Shakespeare’s Globe Theatre di Londra.

In scena fino al 21 ottobre, lo spettacolo in lingua originale è diretto da Jonathan Munby, che afferma “Lo spettacolo rappresenta una battaglia tra opposti: luce e ombra, ironia e tristezza, forza e debolezza. Sapevo sarebbe stato difficile trovare un equilibrio, specialmente riguardo ai temi razziali. Il Mercante di Venezia accende il dibattito su come ci trattiamo gli uni con gli altri e sulla società in cui vogliamo vivere. Illumina il cuore oscuro del pregiudizio e dell’odio e mostra l’intolleranza rispetto al diverso. A distanza di 400 anni, ci facciamo le stesse domande poste da Shakespeare”.

Questa prestigiosa apertura è il primo appuntamento di un focus dedicato a Shakespeare, come dichiara il Direttore del Teatro Stabile del Veneto Massimo Ongaro: “Con un’apertura di stagione che unisce idealmente i 400 anni dalla morte di William Shakespeare e i 500 anni dalla fondazione del Ghetto di Venezia, il Teatro Stabile del Veneto consolida ruolo e funzioni a livello locale, nazionale e internazionale, e amplia in modo significativo la sua proposta culturale che si struttura su tre città uniche al mondo”.

La pièce, già osannata da pubblico e critica, vede protagonista un grande attore hollywoodiano come Jonathan Pryce nel ruolo di Shylock: “Onestamente, non mi è mai piaciuto questo spettacolo. Come molti, lo trovavo difficile e razzista. Inizialmente ero riluttante ad accettare il ruolo di Shylock. Però, dopo averlo riletto nel 2015 e averlo rivisto con gli occhi di Shylock, ho cambiato idea. Non è uno spettacolo razzista ma uno spettacolo sul razzismo, sulla paura del diverso, dell’immigrato, e sulla costruzione di barriere. Quindi, è uno spettacolo sulla relazione tra l’Inghilterra e l’Europa!”.

La sua prima collaborazione con il Globe per l’interpretazione di Shylock è valsa a Pryce diversi premi: tra questi un doppio Oliver e un Tony Award.

(segue)

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su