martedì 06 dicembre | 04:04
pubblicato il 30/set/2011 20:09

Zecche e pidocchi in una scuola di Castellamare: bimbi a casa

La protesta dei genitori del II circolo didattico

Zecche e pidocchi in una scuola di Castellamare: bimbi a casa

Scuola chiusa per disinfestazione. E' questo il cartello affisso al II Circolo didattico di Castellammare di Stabia. La misura è stata presa dopo la denuncia dei genitori degli oltre 300 alunni della primaria, preoccupati per la salute dei propri figli. La scuola è infatti infestata da zecche e pidocchi e le punture in classe sono la regola. Per questo i genitori hanno deciso di tenere i figli a casa e denunciare una situazione al limite della decenza. La scuola si trova in una struttura fatiscente che ancora attende di essere rustrutturata. Le famiglie degli alunni protestano: Vivere nel centro antico non significa vivere nel terzo mondo e studiare è un diritto sacrosanto di tutti. La scuola già 30 giorni fa è stata sottoposta ad un'opera di bonifica e ora la Asl fa il bis, nella speranza che nelle classi non ci siano più ospiti indesiderati.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari