lunedì 27 febbraio | 03:52
pubblicato il 15/mar/2011 13:55

Yara/Procura:Mai escluso movente violenza, morta sul posto

Inquirenti fanno il punto: "Sui guanti tracce Dna di sconosciuti"

Yara/Procura:Mai escluso movente violenza, morta sul posto

Bergamo, 15 mar. (askanews) - Sul corpo di Yara Gambirasio "non ci sono segni evidenti di violenza sessuale, ma che l'assassino abbia agito a sfondo sessuale non è affatto escluso". In una conferenza stampa oggi nella Procura di Bergamo, il procuratore aggiunto Massimo Meroni ha fatto il punto della situazione e ha aggiunto qualche dettaglio sulle indagini in corso sull'omicidio della 15enne di Brembate Sopra, spiegando di non aver mai escluso la pista di carattere sessuale: "Gli indumenti intimi erano quasi perfettamente in ordine, tranne il reggiseno, che risultava indossato ma slacciato", ha detto. Un dettaglio che più di prima può far pensare ad un approccio sessuale ai danni di Yara, finito forse con un tentativo di fuga della ragazzina e il successivo omicidio. Forse proprio nel campo di Chignolo d'Isola, "dove crediamo di poter dire che la ragazza è morta ed è rimasta fin dalle ore immediatamente successive alla scomparsa" ha continuato Meroni. Yara potrebbe essere morta per una serie di concause: le "ferite da taglio ai polsi, al collo, alla schiena e in parte anche alle gambe" e poi segni di "contusione di origine ancora poco chiara al volto e al capo". Come se la ragazza fosse stata colpita con una pietra. E non è morta nè di dissanguamento, nè di soffocamento, forse il freddo e l'ipotermia si sono aggiunti in modo irreparabile alle ferite che la ragazza aveva, ma "non è detto che costituiscano una causa della morte". Le speranze dell'indagine sono ora affidate al Dna: due tracce, una maschile e l'altra femminile, sono state isolate da un guanto della ragazzina, non dalla batteria del telefono cellulare. Sono tracce sconosciute, che non riguardano la cerchia dei familiari di Yara e nemmeno tutti i profili genetici a disposizione della polizia e dei carabinieri in tutta Italia. "In questo momento non penso di dover procedere a rilevare i profili genetici degli abitanti di Brembate Sopra", ha precisato Meroni. Il procuratore ha poi quasi affossato la cosiddetta 'pista satanica' o 'esoterica', perchè "escludo che le ferite a livello lombare componessero un disegno o un simbolo di chissà quale tipo". Ma sugli autori dell'omicidio di Yara Meroni ha l'unica certezza: "Non ci sentiamo di escludere nessuno al mondo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech