sabato 25 febbraio | 19:31
pubblicato il 13/giu/2011 13:21

Yara/ Il pm: "la pista del branco è una cavolata"

Letizia Ruggeri, massimo riserbo su tracce Dna

Yara/ Il pm: "la pista del branco è una cavolata"

Bergamo, 13 giu. (askanews) - "Il branco? Davvero una cavolata". Il sostituto procuratore di Bergamo Letizia Ruggeri commenta così le recenti ipotesi apparse sulla stampa in merito all'omicidio di Yara Gambirasio, in particolare l'ipotesi secondo cui la giovanissima ginnasta potrebbe essere stata uccisa da un gruppo di giovani, magari di Brembate Sopra. "Una cavolata davvero, che non trova fondamento. Sono stati messi insieme alcuni elementi emersi dalle indagini per dedurre che a colpire la ragazza è stato un branco. Si tratta di una deduzione azzardata". Il pm non si sbilancia, invece, in merito alle tracce di Dna sugli indumenti della ragazza. Ne sarebbero state trovate quattro, una femminile sul guanto e tre maschili, sempre sul guanto, sugli slip e la t-shirt. Le tre maschili potrebbero corrispondere alla stessa persona? Gli inquirenti non si esprimono, si tratta di una circostanza fondamentale per le indagini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech