venerdì 02 dicembre | 21:22
pubblicato il 07/lug/2014 12:00

Yara, Bossetti chiede di parlare: "Troppe falsità su di me"

Martedì incontro con pm Ruggeri, nei prossimi giorni vedrà madre

Yara, Bossetti chiede di parlare: "Troppe falsità su di me"

Milano, 7 lug. (askanews) - Sono passate tre settimane esatte da quel lunedì 16 giugno in cui Massimo Giuseppe Bossetti venne arrestato con la pesante accusa di aver barbaramente ucciso Yara Gambirasio. Un lungo periodo trascorso in isolamento per il carpentiere di Mapello (Bergamo), che dopo giorni di silenzio davanti agli inquirenti sembra essersi deciso a parlare. Il 44enne attraverso i suoi legali Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni, ha chiesto e ottenuto un incontro con il pubblico ministero Letizia Ruggeri, che avrà luogo domani (martedì 8 luglio) nel carcere di Bergamo. In questi 21 giorni sono state dette e scritte molte cose su Massimo Bossetti. Da una settimana il carpentiere può guardare la televisione e leggere i giornali, e si è quindi reso conto di tutto ciò. Sembra essere proprio questa la motivazione principale che lo ha portato a chiedere un faccia a faccia con il pm. Bossetti intende replicare a "una serie di falsità sul suo conto". Dalla sua presunta "doppia vita", fatta oltre che di lavoro e famiglia anche di lunghe serate in discoteca, alle assenze immotivate dal lavoro che sarebbero state riportate da alcuni suoi colleghi, fino alle lampade nel centro estetico di Brembate Sopra e alle pagine relative al caso Yara che avrebbe digitato sul proprio computer. Bossetti ribadirà poi la sua innocenza e la sua estraneità ai fatti, ma non è chiaro se intenderà spiegare la propria versione dei fatti o attendere la fase processuale. Quello di martedì sarà il primo confronto diretto fra Bossetti e il pm Ruggeri. Nei due precedenti interrogatori davanti agli inquirenti si era invece avvalso della facoltà di non rispondere. Intanto i suoi due legali hanno intenzione di chiedere una ripetizione dell'esame del Dna per verificare la compatibilità tra le tracce di sangue rinvenute sui leggins e sugli slip di Yara e il codice genetico dell'accusato. Nel frattempo Ester Arzuffi, la madre del muratore di Mapello, ha chiesto e ottenuto di vedere il proprio figlio. L'incontro avverrà nei prossimi giorni, forse giovedì. Lo ha spiegato il legale della famiglia di Bossetti, Benedetto Maria Bonomo, il quale riferisce che la donna continua a sostenere di non aver mai avuto una relazione con Giuseppe Guerinoni, l'autista di autobus padre di Ignoto 1 individuato dalle indagini. "Conosco mio figlio - continua a sostenere la Arzuffi - e non può aver fatto ciò di cui è accusato". La signora era stata sentita come testimone subito dopo l'arresto del figlio. La moglie di Bossetti, Marita Comi, invece giovedì ha incontrato per la seconda volta il marito. Subito dopo, insieme alla madre Adelina e ai tre figli, un maschio di 13 anni e due bambine di 10 e 8 anni, ha raggiunto una località segreta lontano dalla Bergamasca.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari