sabato 25 febbraio | 17:32
pubblicato il 28/feb/2011 11:11

Yara/ Autopsia a Milano, riaperto il campo dove è stata trovata

Esame su corpo decisivo per confermare ipotesi accoltellamento

Yara/ Autopsia a Milano, riaperto il campo dove è stata trovata

Milano, 28 feb. (askanews) - Misure di sicurezza senza precedenti all'Istituto di medicina legale di Milano, in via Mangiagalli, dove oggi è prevista l'autopsia sul corpo di Yara Gambirasio, la tredicenne scomparsa il 26 novembre scorso e trovata senza vita solo sabato pomeriggio. I rilevamenti scientifici sul suo corpo saranno decisivi per confermare o meno le ipotesi più accreditate, seppur con molta prudenza e senza escluderne altre, dagli inquirenti negli ultimi due giorni. A loro parere è più probabile che Yara sia stata uccisa a coltellate, dopo un tentativo di autodifesa, nelle ore immediatamente successive alla sua sparizione e che il suo corpo sia rimasto tra le sterpaglie di Chignolo d'Isola per i successivi tre mesi. Intorno alle 9.30 è arrivata all'obitorio di Città Studi a Milano un'auto del Nucleo investigativo scientifico dei carabinieri, mentre alcuni poliziotti presidiano gli ingressi. L'autopsia, che si annuncia come un lavoro lungo e complicato dall'avanzato stato di decomposizione del corpo, sarà eseguita da una squadra guidata da Cristina Cattaneo, una delle più note antropologhe forensi che è co-fondatore e responsabile del Laboratorio di antropologia e odontologia forense (Labanof), una struttura che ha come scopi principali la ricerca scientifica sullo studio di resti ossei umani e lo studio di tecniche per identificare resti umani e di viventi. Un punto di riferimento per la Questura e per la Procura di Milano. Intanto il campo di Chignolo d'Isola dove sabato è stato trovato il corpo di Yara non è più transennato dalla forze dell'ordine. I nastri che circondavano l'area e le bandierine della polizia scientifica non ci sono più, così come le pattuglie che impedivano a giornalisti e curiosi di avvicinarsi. Ilario Scotti, l'aeromodellista che verso le 15.30 di due giorni fa ha individuato per primo il cadavere, racconta oggi all'Eco di Bergamo di avere visto, come prima impressione, qualcosa di simile a "un mucchio di stracci buttati lì da qualcuno. Ma appena mi sono reso conto che era una persona, non ho esitato e ho subito chiamato il 113". L'uomo aggiunge di essere "molto scosso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech