mercoledì 07 dicembre | 14:04
pubblicato il 28/mag/2011 18:46

Yara/ A funerali lacrime dopo gli aneddoti sulla sua vita

Genitori fanno leggere messaggio: Guarda quanti cuori hai toccato

Yara/ A funerali lacrime dopo gli aneddoti sulla sua vita

Brembate Sopra, 28 mag. (askanews) - Quante lacrime ai funerali di Yara Gambirasio, quando i genitori hanno fatto leggere un messaggio contenente alcuni aneddoti di vita della figlia, "uno scricciolo pieno d'amore e disponibilità". Come quando Yara ha rinunciato alla sua festa di compleanno per partecipare ad un evento sportivo che vedeva il fratellino Natan protagonista, dicendo "non c'è problema, taglierò la torta al parco, vicino a Natan". O quando si fermava per strada per aiutare una donna anziana in difficoltà ad attraversare: un ricordo che la stessa pensionata ha trasmesso alla famiglia, in lacrime, negli ultimi giorni. "Guarda Yara, guardati attorno, quanti cuori hai toccato", hanno scritto i genitori. E' seguito un lungo applauso, sotto un cielo terso sbucato da una notte di burrasca sulla Lombardia e la Bergamasca. Lacrime e occhi di quattromila persone puntati sulla bara bianca, visibile attraverso il maxi schermo installato fuori dalla palestra di Brembate Sopra, che ospitava tra le 400 persone i parenti più cari, i genitori, le istituzioni, le forze dell'ordine, il sindaco di Bergamo, Franco Tentorio. "Ora che hanno ritrovato la mia bambina sono più serena, perché ora so dov'è", ha detto la mamma di Yara al parroco, come lo stesso don Corinno Scotti ha riferito nella sua omelia. Il giorno delle lacrime, del cordoglio, in cui tanti, anche il vescovo di Bergamo Francesco Beschi, hanno pensato all'assassino, a quell'uomo senza volto e senza nome che ha scagliato il suo male contro Yara Gambirasio. "Non è facile trovare ristoro - ha detto monsignor Beschi - Sappiamo bene che oggi il peso non è dato solo dalla morte. Non dimenticheremo mai, questa morte ci dice come si può essere sconfitti, quanto il peso non basti mai. Su Yara si è accanito il male, non è solo morta. E il male non è una forza oscura. Quanti di noi vorrebbero incontrare i vostri sguardi, gli sguardi di chi vive nell'oscurità. Vorremmo dire a quei vinti di uscire dall'oscurità". "Oscurità": lì c'è l'assassino. E il messaggio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è andato in parallelo a quello del vescovo: "Auspico che sia fatta luce" ha scritto Napolitano parlando di un "orrendo delitto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Camorra
Controllo piazze spaccio nel Salernitano: 21 ordinanze cautelari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni