martedì 24 gennaio | 00:50
pubblicato il 28/mag/2011 18:46

Yara/ A funerali lacrime dopo gli aneddoti sulla sua vita

Genitori fanno leggere messaggio: Guarda quanti cuori hai toccato

Yara/ A funerali lacrime dopo gli aneddoti sulla sua vita

Brembate Sopra, 28 mag. (askanews) - Quante lacrime ai funerali di Yara Gambirasio, quando i genitori hanno fatto leggere un messaggio contenente alcuni aneddoti di vita della figlia, "uno scricciolo pieno d'amore e disponibilità". Come quando Yara ha rinunciato alla sua festa di compleanno per partecipare ad un evento sportivo che vedeva il fratellino Natan protagonista, dicendo "non c'è problema, taglierò la torta al parco, vicino a Natan". O quando si fermava per strada per aiutare una donna anziana in difficoltà ad attraversare: un ricordo che la stessa pensionata ha trasmesso alla famiglia, in lacrime, negli ultimi giorni. "Guarda Yara, guardati attorno, quanti cuori hai toccato", hanno scritto i genitori. E' seguito un lungo applauso, sotto un cielo terso sbucato da una notte di burrasca sulla Lombardia e la Bergamasca. Lacrime e occhi di quattromila persone puntati sulla bara bianca, visibile attraverso il maxi schermo installato fuori dalla palestra di Brembate Sopra, che ospitava tra le 400 persone i parenti più cari, i genitori, le istituzioni, le forze dell'ordine, il sindaco di Bergamo, Franco Tentorio. "Ora che hanno ritrovato la mia bambina sono più serena, perché ora so dov'è", ha detto la mamma di Yara al parroco, come lo stesso don Corinno Scotti ha riferito nella sua omelia. Il giorno delle lacrime, del cordoglio, in cui tanti, anche il vescovo di Bergamo Francesco Beschi, hanno pensato all'assassino, a quell'uomo senza volto e senza nome che ha scagliato il suo male contro Yara Gambirasio. "Non è facile trovare ristoro - ha detto monsignor Beschi - Sappiamo bene che oggi il peso non è dato solo dalla morte. Non dimenticheremo mai, questa morte ci dice come si può essere sconfitti, quanto il peso non basti mai. Su Yara si è accanito il male, non è solo morta. E il male non è una forza oscura. Quanti di noi vorrebbero incontrare i vostri sguardi, gli sguardi di chi vive nell'oscurità. Vorremmo dire a quei vinti di uscire dall'oscurità". "Oscurità": lì c'è l'assassino. E il messaggio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è andato in parallelo a quello del vescovo: "Auspico che sia fatta luce" ha scritto Napolitano parlando di un "orrendo delitto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4