sabato 03 dicembre | 17:20
pubblicato il 30/apr/2011 05:15

Wojtyla/Zona rossa e vigilanza terra-cielo-acqua:sicurezza pronta

Alemanno: "Massima attenzione, ma nesun segnale di pericolo"

Wojtyla/Zona rossa e vigilanza terra-cielo-acqua:sicurezza pronta

Roma, 30 apr. (askanews) - Quasi due mila uomini tra polizia, carabinieri, guardia di finanza, reparti speciali e gendarmeria vaticana vigileranno tra oggi e lunedì sulla cerimonia di beatificazione di Karol Wojtyla, quando a Roma è atteso fino a un milione di pellegrini, romani esclusi. La città non sarà militarizzata, ma l'attenzione sarà massima per ridurre al minimo ogni problema di ordine pubblico, compresi quelli legati ad atti terroristici. Nei giorni scorsi il capo della polizia Antonio Manganelli aveva parlato di "rischi oggettivi" da questo punto di vista: il questore di Roma Francesco Tagliente ha garantito "ai cittadini romani che abbiamo coniugato vivibilità, mobilita e sicurezza", mentre per il sindaco Gianni Alemanno "c'e la massima attenzione, ma nessun segnale specifico di attentati o attacchi". Il piano sicurezza è pronto e prevede azioni via terra, aria eacqua. Il centro di Roma è stato suddiviso in tre zone con diversi livelli di attenzione. Ogni 'anello' sarà delimitato da transenne con varchi presidiati dalle forze dell'ordine con il supporto di unità cinofile. Reparti speciali vigileranno dai tetti in zona San Pietro e nelle zone interessate dalle celebrazioni telecamere (13 nuove installate) saranno pronte a notare qualsiasi evento sospetto. Un elicottero della polizia sorvolerà la città per tutto il giorno, inviando in diretta immagini ad alta risoluzione alla centrale operativa della Questura. Battelli della polizia fluviale e 'uomini rana' bonificheranno le sponde del fiume Tevere. Oltre ai fedeli sono quasi novanta le delegazioni estere attese (tra loro cinque famiglie reali - Belgio, Spagna, Regno Unito, Liechtenstein e Lussemburgo - e 16 capi di Stato), che arriveranno e ripartiranno con programmi diversi. Il cuore delle celebrazioni, Piazza San Pietro, sarà l'area "di massima sicurezza", una sorta di 'zona rossa' con spazio aereo interdetto e per accedere alla quale sono previsti rigidi controlli anche con metal-detector rapiscan. In via della Conciliazione un corridoio centrale sarà dedicato al transito di veicoli d'emergenza. La seconda area (detta "riservata") servirà all'avvicinamento dei fedeli. In questa zona passeranno i veicoli d'emergenza e i mezzi degli altri addetti ai lavori (Protezione civile, Ama). L'anello più esterno ("area di rispetto") garantirà il regolare e ordinato afflusso e deflusso dei fedeli, oltre a consentire un rapido spostamento dei veicoli delle forze dell'ordine. In questa zona saranno montati due maxi schermi (in Piazza Risorgimento e davanti Castel Sant'Angelo) con le immagini dell'evento. Ma tra oggi e lunedì (domenica a Roma c'è anche il concertone del primo maggio a San Giovanni, il giorno dopo il posticipo della serie A di calcio Lazio-Juventus) ogni obiettivo sensibile della città, in particolare quelli vicini al Vaticano, sarà sotto stretto controllo. Sorvegliati speciali gli scali portuali, ferroviari ed aeroportuali presso i quali è previsto l'arrivo dei fedeli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari