martedì 06 dicembre | 21:32
pubblicato il 08/ott/2014 15:18

Why not, "De Magistris consapevole che erano utenze di parlamentari"

Così i giudici nelle motivazioni della sentenza di condanna per lui e Genchi

Why not, "De Magistris consapevole che erano utenze di parlamentari"

Roma, 8 ott. (askanews) - Una "sintomatica e dolosa selezione dell'utenza" è stata operata da Luigi De Magistris e Gioacchino Genchi rispetto ai tabulati di parlamentari analizzati nell'ambito dell'inchiesta Why not. I giudici del tribunale di Roma nelle motivazioni della sentenza di condanna per De Magistris e Genchi sottolineano che rispetto all'"originaria chiave accusatoria" gli imputati andavano ritenuti "già consapevoli della riconducibilità delle utenze ai parlamentari al momento di richiedere i tabulati di comunicazioni, sebbene per taluni non pervenute le cosiddette anagrafiche con gli ultimi 'intestatari'. Quindi "i correi" erano "ben informati della carica rivestita, violandone ciononostante le prerogative costituzionali". Int

Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni