martedì 28 febbraio | 11:44
pubblicato il 08/ott/2014 15:18

Why not, "De Magistris consapevole che erano utenze di parlamentari"

Così i giudici nelle motivazioni della sentenza di condanna per lui e Genchi

Why not, "De Magistris consapevole che erano utenze di parlamentari"

Roma, 8 ott. (askanews) - Una "sintomatica e dolosa selezione dell'utenza" è stata operata da Luigi De Magistris e Gioacchino Genchi rispetto ai tabulati di parlamentari analizzati nell'ambito dell'inchiesta Why not. I giudici del tribunale di Roma nelle motivazioni della sentenza di condanna per De Magistris e Genchi sottolineano che rispetto all'"originaria chiave accusatoria" gli imputati andavano ritenuti "già consapevoli della riconducibilità delle utenze ai parlamentari al momento di richiedere i tabulati di comunicazioni, sebbene per taluni non pervenute le cosiddette anagrafiche con gli ultimi 'intestatari'. Quindi "i correi" erano "ben informati della carica rivestita, violandone ciononostante le prerogative costituzionali". Int

Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech