sabato 10 dicembre | 08:55
pubblicato il 05/lug/2013 17:48

Welfare: studio, Italia non ne coglie potenziale per crescita e lavoro

Welfare: studio, Italia non ne coglie potenziale per crescita e lavoro

(ASCA) - Roma, 5 giu - L'Italia considera ancora il welfare un mero costo senza essersi ancora resa conto che, invece, puo' essere un volano per la ripresa economica, soprattutto in termini occupazionali. E' la conclusione a cui perviene una ricerca su investimenti nel welfare e rilancio dell'occupazione, presentata oggi a Roma dalla Rete ''Cresce il Welfare, cresce l'Italia'' - promossa da 40 organizzazioni sociali che operano nel campo dell'economia sociale, del volontariato e del sindacato - che avanza al governo ''una proposta diversa e complementare per il rilancio dell'occupazione, dell'economia e per il sostegno alle famiglie italiane''.

Nello specifico,un gruppo di ricercatori, coordinati da Andrea Ciarini dell'Universita' 'La Sapienza' di Roma, evidenzia come in Europa, tra il 2008 e il 2012 (nel pieno della crisi), a fronte di una perdita di occupazione nei comparti manifatturieri di 3 milioni e 123mila unita', l'incremento nei servizi di welfare, cura e assistenza e' stato pari a 1 milione e 623mila unita' (+7,8%).

Ancora, Rete ''Cresce il Welfare, cresce l'Italia'' cita alcuni studi recenti i quali confermano che l'uso della spesa pubblica per creare lavoro ha effetti sull'occupazione molto piu' alti e in tempi piu' rapidi rispetto ad altri tipi di misure: fino a 10 volte superiori rispetto al taglio delle tasse, da 2 a 4 rispetto all'aumento di spesa negli ammortizzatori sociali o alla riduzione dei contributi sul lavoro per le imprese.

In tale quadro, i principali operatori del welfare italiano avanzano al governo una proposta nei seguenti punti: finanziare adeguatamente i Fondi per il sociale (azzerati per il 2014); dotarsi di un Piano nazionale per la non autosufficienza e di un Piano di contrasto alla poverta'; aumentare la solvibilita' (cioe' la capacita' di pagare) delle famiglie italiane per l'assunzione di assistenti familiari; favorire l'emersione del lavoro nero;favorire la qualificazione e la tutela dei lavoratori; investire per il raggiungimento degli obiettivi europei relativi agli asili nido; raccogliere l'opportunita' offerta dalla decisione della Commissione Ue che ha concesso all'Italia una maggiore flessibilita' di bilancio nel 2014 per investimenti produttivi e per rilanciare la crescita.

''Conoscere e diffondere la conoscenza contribuisce a smantellare i luoghi comuni da cui derivano convinzioni e scelte politiche conseguentemente sbagliate. E il primo luogo comune e' proprio che il welfare sia una spesa improduttiva'' e' il commento del viceministro alle Politiche sociali, Maria Cecilia Guerra, che ha presenziato la divulgazione della ricerca.

red-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina