sabato 21 gennaio | 12:35
pubblicato il 14/ott/2013 17:29

Violenza donne: Lorenzin, un 'Codice rosa' per accompagnare le vittime

(ASCA) - Roma, 14 ott - I nostri Pronto soccorso si potrebbero presto munire di un nuovo Codice per l'assisitenza: quello 'rosa', che riguarda esclusivamente le donne vittime di violenza sia fisica che sessuale. Ad annunciare che i tempi per il nuovo strumento di assistenza sono ormai maturi e' stata oggi il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin che ha partecipato a Roma, presso la Scuola superiore di polizia, al IV Congresso italiano Great network promosso in collaborazione con l'azienda ospedaliera Sant'Andrea dell'Universita' La Sapienza di Roma.

Sul tema della violenza sulle donne il ministro Lorenzin ha sottolineato che in Italia non si e' ''all'anno zero'' e come proprio l'esperienza del ''Codice rosa'' nasce dal ''territorio su esperienze avviate, quanto produttive come quella di Grosseto in Toscana o del Policlinico Umberto I a Roma. Ora l'idea - ha detto il ministro - e' quella di mettere in rete queste esperienze con un protocollo nazionale che fornisca le linee comuni per un intervento che veda coinvolti diversi dicasteri quali quello dell'Interno, della Giustizia e delle Pari opportunita' oltre, naturalmente, al dicastero della Salute''. In sostanza il ''Codice rosa'', e' stato spiegato fa scattare una serie di protocolli di assistenza e aiuto non solo sanitario e psicologico ma anche dal punto di vista della sicurezza e della protezione della vittima di violenza. Violenze, quelle sulle donne, ha spiegato Lorenzin, aumentate proporzionalmente alla situazione ''di crisi economica in atto che sta alimentando la violenza domestica e familiare''.

Ad auspicare una rete ''a maglie tanto strette e serrate da farla somigliare piu' ad un tappeto'' tra le diverse realta' istituzionali e' stato il Capo della Polizia, Prefetto Alessandro Pansa che ha parlato di quella sulle donne come di un ''genere di violenza che non e' solo contro le donne ma che mette in crisi - ha detto - i cardini della stessa nostra societa'''. A parlare, invece, di ''problema culturale'' e' stato il presidente della Corte di Cassazione Giorgio Santacroce secondo il quale il problema non sara' mai superabile se affrontato solo sul piano punitivo e giudiziario. gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4