sabato 21 gennaio | 10:06
pubblicato il 07/set/2013 11:59

Vino: Italia batte Francia, primo produttore al mondo

Vino: Italia batte Francia, primo produttore al mondo

(ASCA) - Roma, 7 set - Con una produzione di vino stimata attorno ai 44 milioni di ettolitri l'Italia sorpassa la Francia, che si ferma ad appena 43,5 milioni di ettolitri, e conquista nel 2013 il primato mondiale. Vola anche l'export di vino italiano, con un +10% delle vendite che potrebbe arrivare a toccare quest'anno il record storico di 5 miliardi delle spedizioni all'estero. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti che evidenzia gli effetti di un fine estate pazzo che ha determinato una rivisitazione in aumento della produzione nazionale dell'8 per cento, mentre per quella francese la crescita e' stata ridimensionata al 3,9 per cento rispetto ai 41,9 milioni di ettolitri del 2012, nella nuova proiezione di FranceAgriMer di settembre. L'andamento climatico anomalo - sottolinea Coldiretti - capovolge le previsioni iniziali con l'agenzia di statistica del ministero dell'Agricoltura francese che ha rivisto al ribasso le proprie stime a causa del maltempo e delle forti grandinate nella zona del Bordeaux, la regione del vino piu' importante del mondo, dove si prevede un calo del 20 per cento con una produzione prevista sui 5,2 milioni di ettolitri, ovvero l'annata piu' scarsa, in termini quantitativi, dal 1991. Il colpo di scena provocato dal clima sancisce - sostiene la Coldiretti - la leadership nazionale nella produzione di vino a livello internazionale dove dopo la Francia si classifica al terzo posto la Spagna seguita dagli Stati Uniti e dalla Cina, che e' in forte crescita anche nei consumi. Il risultato produttivo dovra' naturalmente essere confermato nelle prossime settimane considerato che, anche in Francia la vendemmia e' in ritardo, cosi' come in Italia dove e' stato raccolto appena il 10 per cento delle uve. Le uve gia' raccolte nonche' il monitoraggio effettuato sulle uve in maturazione evidenzia una gradazione zuccherina inferiore allo scorso anno di circa un grado babo ma una maggiore acidita' e colore con un maggiore accumulo di sostanze aromatiche e polifenoliche. La produzione sara' destinata per oltre il 40 per cento - precisa Coldiretti - ai 331 vini a denominazione di origine controllata (Doc) e ai 59 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), il 30 per cento ai 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante 30 per cento a vini da tavola. Sul fronte dell'export, la Germania si conferma il primo mercato per le bottiglie tricolori, con una crescita del 13 per cento, ma l'export va a gonfie vele anche in Francia (+12 per cento) e Gran Bretagna (+8 per cento). Un vero e proprio boom si registra pero' in Russia, dove gli acquisti di vino italiano sono cresciuti del 32 per cento. Positivo anche il dato sui mercati asiatici, con una crescita complessiva del 3 per cento, con un aumento del 5 per cento in Cina. red-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4