sabato 10 dicembre | 18:06
pubblicato il 04/apr/2013 18:21

Vinitaly: in fiera anche i nuclei antifrodi CC per lotta a pirateria

(ASCA) - Roma, 4 apr - Anche quest'anno in occasione della 47^ edizione di Vinitaly, la fiera internazionale dedicata al mondo del vino e dei distillati che si terra' a Verona dal 7 al 10 aprile p.v., il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali sara' presente con uno spazio espositivo dedicato ai Nuclei Antifrodi Carabinieri (NAC), il Reparto Speciale dell'Arma che opera nel contrasto alle frodi comunitarie del comparto e all'agropirateria. Nel corso della manifestazione Militari qualificati del Nucleo Antifrodi Carabinieri di Parma saranno presenti per fornire chiarimenti sulle attivita' del Reparto e per indicare utili consigli ai consumatori e agli operatori del settore sull'azione antifrode. L'Italia con il primato di oltre 500 vini a denominazione d'origine e con gli altri 249 prodotti agroalimentari DOP/IGP e STG ha un interesse strategico a garantire la qualita' e la genuinita' dei suoi prodotti. E anche un sistema di controlli sempre piu' efficace ed incisivo oggi rappresenta nel contesto internazionale un valore aggiunto delle produzioni alimentari nazionali. In tale quadro, nel corso dell'anno 2012 i Nuclei Antifrodi Carabinieri del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari hanno sviluppato attivita' di controllo straordinarie a tutela del sistema agroalimentare in 2507 aziende ed operatori commerciali del settore, individuando 438 autori di reato responsabili di frodi comunitarie per 8 milioni di euro e frodi agroalimentari che hanno portato al sequestro di oltre 7 mila tonnellate di prodotti alimentari contraffatti e/o irregolari. Ammonta ad oltre 3 milioni di euro il valore dei beni sequestrati dai NAC, sottratti dunque al circuito illegale dell'agropirateria. Tra queste attivita', di particolare rilievo nel settore vitivinicolo e' stata la campagna autunnale dei controlli sul vino che ha portato al sequestro di oltre 3.100 tonnellate di mosto e vino dichiarato come DOC/DOCG (in realta' mai registrato sui documenti contabili di cantina e quindi destinato alla commercializzazione ''in nero'') e alla segnalazione alla rete Interpo dell'illecita commercializzazione all'estero dei ''Wine Kit'' e di alcune contraffazioni di noti vini nazionali. Inoltre, la presenza dei Nuclei Antifrodi Carabinieri sara' dedicata in particolare ad un desk istituzionale in cui i visitatori potranno acquisire le informazioni piu' attuali sulla recente normativa europea in materia di ''etichettatura'' dei vini. Per i ''vini a denominazioni di origine DOP e IGP'' devono, infatti, figurare obbligatoriamente le indicazioni su origine e provenienza, imbottigliatore, presenza di allergeni e numero di lotto, mentre per i ''vini senza denominazione d'origine'' sono obbligatori anche i riferimenti all'importatore. Sono previste anche indicazioni ''facoltative'' che possono orientare maggiormente i consumatori sui criteri di maggiore trasparenza scelti da alcuni produttori, ma sono comunque vietate le ''comunicazioni ingannevoli'' come quelle su proprieta' salutistiche non autorizzate. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina