sabato 03 dicembre | 06:23
pubblicato il 26/mar/2014 12:09

Vinitaly: carabinieri Nac presenti per educare consumatori contro frodi

Vinitaly: carabinieri Nac presenti per educare consumatori contro frodi

(ASCA) - Roma, 26 mar 2014 - Alla 48ma Edizione di Vinitaly, che si terra' a Verona dal 6 al 9 aprile, saranno presenti con uno spazio espositivo anche i Nuclei antifrodi carabinieri (Nac), il Reparto speciale del ministero delle Politiche agricole alimentarti e forestali che si occupa dell'azione di contrasto alle frodi all'Unione europea, riferite principalmente al sistema dei finanziamenti della Paca, e alle frodi alimentari. Nel corso della manifestazione - illustra una nota - i militari dei Nac forniranno utili consigli ai consumatori e agli operatori del settore e presenteranno anche l'attivita' operativa 2013, che ha visto l'attenzione dei Nac soprattutto sui nuovi fenomeni della contraffazione dei prodotti alimentari, riferiti essenzialmente alle violazioni sull'etichettatura, tracciabilita' e sulle false indicazioni dei marchi Dop/Igp, e sul made in Italy. Proprio per questi fenomeni di ''contraffazione'' i principali sequestri operati nel 2013 hanno riguardato oltre 9.5 mila tonnellate di prodotti alimentari e oltre 3 milioni di etichette irregolari. In tale contesto, Prevenzione, Consapevolezza ed Educazione alimentare sono elementi essenziali per garantire la tutela della qualita' e della salute a tavola. La prima regola da seguire e' leggere attentamente l'etichetta che e' la ''Carta di identita''' del prodotto che ci puo' aiutare a scegliere il meglio per la nostra tavola. I Nac ricordano che per i ''vini a denominazioni di origine Dop e Igp'' devono figurare obbligatoriamente le indicazioni su origine e provenienza, imbottigliatore, presenza di allergeni (tra cui i solfiti) e numero di lotto, mentre per i ''vini senza denominazione d'origine'' sono obbligatori anche i riferimenti all'importatore. Sono previste anche indicazioni ''facoltative'' che possono orientare maggiormente i consumatori sui criteri di maggiore trasparenza scelti da alcuni produttori, ma sono comunque vietate le ''comunicazioni ingannevoli'' come quelle su proprieta' salutistiche non autorizzate.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari