martedì 06 dicembre | 04:13
pubblicato il 25/mag/2012 09:59

Villa Adriana, il sito dove sorgerà la discarica delle polemiche

Legambiente: siamo increduli, costerà 24 milioni di euro

Villa Adriana, il sito dove sorgerà la discarica delle polemiche

Milano, (askanews) - E' qui che sorgerà la discarica delle polemiche, a Corcolle vicino a Villa Adriana. Il nuovo sito di smaltimento rifiuti romano, che nelle intenzioni del prefetto Giuseppe Pecoraro sostituirà Malagrotta, ha scatenato un coro di no e una spaccatura interna al governo. Chi si oppone alla discarica teme le conseguenze sull'agricoltura della zona, in cui sono stati fatti grandi investimenti nel biologico, e sul tesoro archeologico di Villa Adriana, patrimonio mondiale dell'Unesco. In campo fra gli altri per impedire la costruzione della discarica anche Legambiente, Gianni Innocenti è il presidente della sezione di Tivoli."Noi siamo ancora increduli che il governo abbia detto sì a questa localizzione""Si parla di 24 milioni di euro per allestire la discarica -accusa Innocenti - va valutato anche il conto economico.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari