domenica 19 febbraio | 13:44
pubblicato il 10/nov/2011 09:24

Vibo Valentia, tassi di usura del 1.500% a imprese: 10 arresti

Operazione di carabinieri e Gdf in tre province calabresi

Vibo Valentia, tassi di usura del 1.500% a imprese: 10 arresti

Applicavano tassi di interesse fino al 1.500% e si facevano "ripagare" i prestiti con auto di lusso. Sono le accuse che la Procura di Vibo Valentia contesta ai 10 presunti usurai arrestati dalla Guardia di finanza vibonese e dai carabinieri del Comando provinciale impegnati nell'operazione "Business Cars" che ha permesso di sgominare un'associazione a delinquere finalizzata all'usura aggravata, all'abusiva intermediazione finanziaria e all'estorsione ai danni di tre imprenditori. Gli arresti sono stati eseguiti nelle province del di Vibo Valentia, Reggio Calabria e Catanzaro.Una delle vittime era stata costretta a "vendere" il proprio appartamento e poi a versare un canone d'affitto al suo strozzino per restare ad abitare nella casa. Ma gli imprenditori vittime di estorsione, alcuni de quali attivi nel settore della compravendita di automobili, da cui il nome dell'operazione, sono stati costretti a cedere anche dei veicoli per pagare i tassi usurai.

Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia