martedì 17 gennaio | 10:09
pubblicato il 07/feb/2015 20:08

Verso la Carta di Milano: l'eredità dell'Expo sta nelle idee

La prima versione in consegna il 28 aprile, ad ottobre all'Onu

Verso la Carta di Milano: l'eredità dell'Expo sta nelle idee

Milano, (askanews) - Un'Esposizione universale unica nella storia, perché, a differenza che in passato, lascia un'eredità concreta: la Carta di Milano. Expo Milano 2015 si presenta al mondo con "Expo delle idee": l'Hangar Bicocca ospita per una giornata oltre 500 esperti, chiamati a confrontarsi. Si inizia a scrivere questo atto di impegno in cui i protagonisti sono cittadini, istituzioni, imprese, associazioni, mondo accademico e organizzazioni internazionali. Divisi in 42 tavoli, gli esperti hanno affrontato temi legati al tema di Expo, "Nutrire il pianeta, energia per la vita". "Si va dallo spreco alimentare alla lotta alla fame, dal contrasto all'obesità alla sostenibilità dei modelli di sviluppo, beni comuni come acqua e terra e il grande tema della ricerca. Tutti questi temi sono sviluppati dai tavoli che stanno lavorando" ha spiegato il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina.

Il professor Salvatore Veca di Laboratorio Expo, che ha coordinato i tavoli di lavoro, si è ispirato al principio che ha guidato Picard per l'Exposition universelle del 1900 a Parigi: "Picard disse voglio non solo un'esposizione di prodotti, come era allora, ma di idee e del pensiero. La missione di questo Expo potrebbe essere rilanciare la sfida di un'eredità che sarà fatta di idee, pensieri, teorie e pratiche per un mondo migliore".

La Carta sarà divisa in tre sezioni, come spiega Massimiliano Tarantino, direttore di laboratorio Expo: "Un preambolo emozionale perché vogliamo che l'adesione di tutti sia consapevole, una parte di articoli dedicati ai diritti e agli impegni che ciascuno si deve prendere per dare seguito ad esempio al diritto al cibo come diritto fondamentale di tutti i cittadini, e una terza di apparati".

Anche il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, intervenendo alla conferenza stampa di presentazione della Carta, ha sottolineato l'importanza di inserire nella Costituzione italiana un diritto fondamentale come quello al cibo.

Il prossimo appuntamento per la Carta di Milano è il 28 aprile, quando sarà presentata la prima versione, che poi sarà sottoposta all'esame dei ministri dell'agricoltura e dei 6 mesi di Expo: a ottobre sarà consegnata al segretario generale dell'Onu, Ban-ki Moon, collegando Expo 2015 all'appuntamento agli obiettivi del Millennio.

Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Cybercrime
Cybercrime, Giulio e Francesca Occhionero restano in carcere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello