lunedì 16 gennaio | 12:40
pubblicato il 24/lug/2012 09:59

Venezia/Slitta al 2016 completamento del Mose, mancano 1,2 mld

L'opera avrebbe dovuto essere inaugurata nel 2014

Venezia/Slitta al 2016 completamento del Mose, mancano 1,2 mld

Venezia, 24 lug. (askanews) - Non sarà nel 2014 ma, con tutta probabilità, nel 2016 la fine del lavori del Mose, il progetto di dighe mobili alle bocche di porto in grado di salvaguardare Venezia e la laguna dalle maree. La ragione del ritardo, secondo il quotidiano 'Il Gazzettino', risiede nei tagli. A quanto risulta al giornale veneziano,non basteranno nemmeno i prestiti ponte delle banche a cui il Consorzio Venezia Nuova, soggetto attuatore, si è affidato per compensare l'arrivo dei finanziamenti non sempre puntuali. I cantieri della grande opera saranno dunque costretti a uno stop. Come scrive 'Il Gazzettino', a breve dovrebbe esserci un nuovo cronoprogramma in cui si fissa la fine dei lavori per il 2016, con due anni di ritardo rispetto a quanto precedentemente preventivato. Per completare il finanziamento dei lavori mancano, infatti, circa 1,2 miliardi di euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Maltempo
P. Civile: ancora neve al centro-sud, venti forti anche al nord
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Napoli
Napoli, scoppia bombola del gas: un morto e almeno due feriti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche