mercoledì 22 febbraio | 00:53
pubblicato il 19/apr/2011 12:34

Venezia, sequestrati oltre duemila farmaci pericolosi

Tra gli acquirenti un fisioterapista di Salerno, denunciato

Venezia, sequestrati oltre duemila farmaci pericolosi

Oltre duemila dosi di farmaci senza prescrizione medica e autorizzazione all'importazione, potenzialmente pericolosi per la salute: è l'oggetto del sequestro della Guardia di finanza di Venezia, in collaborazione con l'Ufficio doganale dell'aeroporto "Marco Polo". Tra le medicine, provenienti soprattutto dalla Gran Bretagna, c'erano pillole dell'amore, fiale anticalvizie e sostanze dopanti: potevano causare ictus, infarti, disfunzioni epatiche e ipertensione, fino a diventare letali. A comprarli soprattutto giovani per uso personale, in un caso l'acquisto era stato eseguito in Slovacchia da un fisioterapista trentenne residente in provincia di Salerno, personal trainer. In casa e nello studio aveva 500 compresse e 8 fiale iniettabili di sostanze dopanti: è stato denunciato e rischia una condanna da due a sei anni di reclusione e la multa da 5.000 a 75.000 euro.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia