domenica 11 dicembre | 11:52
pubblicato il 16/set/2011 11:15

Venezia, gli occhi della scienza sulla Laguna in attesa del Mose

La città sarà sede di network internazionale sul clima

Venezia, gli occhi della scienza sulla Laguna in attesa del Mose

"Venezia può essere un punto di riferimento per molte città del mondo che affrontano i problemi legati all'innalzamento del livello del mare e i cambiamenti climatici, può diventare leader di quest'area". Gli occhi della comunità scientifica internazionale sono puntati sulla Laguna come testimonia Charles Kennel, docente di Oceanografia e sostenibilità ambientale all'Università di San Diego in California. L'Arsenale di Venezia è stato scelto da oltre 50 esperti riuniti in città come sede di un network internazionale che studierà gli impatti dei cambiamenti climatici sulle aree urbane costiere, partendo dall'esperienza del "Sistema Mose". La fine dei lavori è prevista per il 2014."Il Mose - spiega Kennel - è un passo avanti intelligente per combattere l'innalzamento dei mari, è in grado di proteggere Venezia dalle acque alte e tutelare l'habitat naturale della Laguna, è uno dei progetti più interessanti a livello mondiale". Un progetto eterno, come lo definisce il presidente del Magistrato alle Acque, Patrizio Coccioletta.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina