domenica 04 dicembre | 11:36
pubblicato il 01/ago/2011 20:38

Venezia, Benigni dice no a uno spettacolo in Piazza San Marco

Perché pubblico ai tavoli dei bar non paga biglietto

Venezia, Benigni dice no a uno spettacolo in Piazza San Marco

Venezia, 1 ago. (askanews) - Roberto Benigni ha risposto 'no' a uno spettacolo in Piazza San Marco. Le ragioni alla base del rifiuto del comico toscano stanno nel fatto che parte del pubblico in Piazza San Marco avrebbe assistito allo spettacolo senza pagare il biglietto. La notizia giunge dal Comune di Venezia, come riporta il sito de 'La Nuova Venezia', che ha preso a pretesto il rifiuto dell'artista per rivedere gli accordi con i locali per la gestione dei grandi eventi. Dal management di Benigni hanno assicurato che il 'no' del comico, che avrebbe dovuto esibirsi in luglio, non è dipeso dal cachet bensì da impegni già assunti dall'artista per un film di Woody Allen. Diversa la versione di Marco Agostini direttore generale del Comune di Venezia: Benigni avrebbe dovuto percepire una percentuale degli incassi, ma saputo che 2mila dei 7mila spettatori non avrebbero pagato il biglietto in virtù di un gentlemen agreement, si legge nell'articolo, tra l'amministrazione municipale e i bar della Piazza, che consente a questi ultimi di vendere i propri tavolini a prezzo maggiorato in occasione degli spettacoli, l'artista avrebbe preferito non esibirsi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari