lunedì 05 dicembre | 09:59
pubblicato il 17/gen/2014 15:12

Veneto/Maltempo: stato di attenzione fino a lunedi'

(ASCA) - Venezia, 17 gen - In riferimento alla situazione meteorologica attesa sul territorio regionale, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto ha dichiarato lo ''stato di attenzione'' dalle ore 12 di domani, sabato, alle ore 14 di lunedi' 20 gennaio. La Dichiarazione si riferisce a Rischio Idrogeologico nelle aree Vene-B (Alto Brenta-Bacchiglione), Vene-C (Adige-Garda e Monti Lessini); Vene-E (Basso Brenta-Bacchiglione )e Vene-F (Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna) e a rischio Rischio Idraulico per le zone Vene-B (Alto Brenta-Bacchiglione); Vene-C (Adige-Garda e Monti Lessini) e Vene-E (Basso Brenta-Bacchiglione).

Dopo una pausa nella notte tra oggi e domani, nella mattinata di sabato e', infatti, prevista la ripresa delle precipitazioni a partire dalla pianura, in successiva propagazione alle zone montane e pedemontane. Le precipitazioni proseguiranno fino a gran parte di domenica, con fenomeni piu' significativi sulle zone centro settentrionali e quantitativi anche abbondanti specie sulle zone prealpine e pedemontane. Specie domenica, saranno possibili locali rovesci. Limite della neve in progressivo innalzamento fino a 1300/1600 metri sulle prealpi e 1100/1400 sulle Dolomiti. Abbondanti nevicate generalmente sopra i 1500/1700 metri.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari