sabato 25 febbraio | 19:20
pubblicato il 19/gen/2013 14:09

Vaticano: p. Lombardi, basta armi. Troppi indegni interessi economici

Vaticano: p. Lombardi, basta armi. Troppi indegni interessi economici

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 19 gen - ''Bisogna ripetere senza stancarsi mai gli appelli per il disarmo, per contrastare la produzione, il commercio, il contrabbando delle armi di ogni tipo, alimentati da indegni interessi economici o di potere''. Lo scrive il direttore della Sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, nel suo editoriale per Octava Dies, il Settimanale informativo del Centro Televisivo Vaticano.

''Se si raggiungono dei risultati, come le adesioni alle convenzioni internazionali, il bando delle mine antiuomo e di altre forme di armi micidiali, - aggiunge padre Lombardi - la riduzione del numero immenso e spropositato delle testate nucleari ben vengano. Ma le armi sono e saranno sempre troppe. Come diceva il Papa volando verso il Libano, tutti siamo sconvolti dalle stragi in Siria, ma le armi continuano ad arrivarvi. La pace nasce dal cuore, ma sara' piu' facile raggiungerla se avremo meno armi in mano''.

dab/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech