lunedì 05 dicembre | 05:28
pubblicato il 17/gen/2013 19:01

Vaticano: card. Bertone, missione nunzi non scada nella routine

Vaticano: card. Bertone, missione nunzi non scada nella routine

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 17 gen - ''Come ogni altra forma di ministero sacerdotale'', anche quello svolto dai diplomatici della Santa Sede comporta la possibilita' di una ''sorta di assuefazione, di adeguamento superficiale alla routine di ogni giorno, di accomodamento a vuote formalita''', che con il tempo possono finire col ''rendere meno attenti alla dimensione soprannaturale del lavoro quotidiano''. E' stato il cardinale segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone, riferisce l'Osservatore Romano, a mettere in guardia i futuri rappresentanti pontifici dai ''rischi'' della loro ''peculiare'' missione. Occasione e' stato l'incontro con gli allievi della Pontificia Accademia Ecclesiastica, dove si e' recato nel pomeriggio, per celebrare i vespri di sant'Antonio abate, patrono della scuola diplomatica di piazza della Minerva.

''Questo annuale ritrovo - ha detto il porporato salutando l'arcivescovo presidente Beniamino Stella e tutti i presenti, tra i quali alcuni ex alunni - ci porta a fare grata memoria anche di tutti coloro che non possono essere presenti, ma sono uniti a noi spiritualmente, in particolare i nunzi e i loro collaboratori: a loro vogliamo assicurare il nostro ricordo nel Signore''. Un ricordo esteso anche ai defunti di quest'ultimo anno, con uno speciale pensiero per monsignor Ambrose Madtha, nunzio in Costa d'Avorio, morto in un tragico incidente automobilistico. Riflettendo sul ruolo della diplomazia vaticana, il cardinale Bertone ne ha inquadrato i contenuti nel contesto dell'Anno della fede. ''Con questa iniziativa - ha spiegato - il Santo Padre ha chiamato tutta la Chiesa a una sorta di pellegrinaggio verso l'essenziale, che intende riportare tutti al cuore dell'esperienza cristiana: l'incontro vivificante con Cristo''. In particolare per chi si trova ''al servizio diretto del Successore di Pietro, nei dicasteri e uffici della curia romana o nelle rappresentanze pontificie'', l'Anno della fede puo' offrire l'opportunita' di ''approfondire il nostro radicamento nel Signore e riscoprire cosi' il senso piu' genuino del nostro servizio''. Perche', ha aggiunto Bertone, ''anche noi abbiamo sempre bisogno di ritornare all'essenziale''.

dab/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari